Nella bioeconomia circolare l’Italia sta facendo sistema

32

Londra, 25 mar. (Adnkronos) – L’Italia nel settore della bioeconomia circolare è uno dei Paesi più avanzati e sta facendo a tutti gli effetti sistema. Lo sottolinea Catia Bastioli, amministratore delegato di Novamont, partecipando al Ft Circular Economy Summit in corso a Londra. “Spesso -spiega Bastioli- non ci accorgiamo di quello che l’Italia sta costruendo in questo settore. La bioeconomia è uno dei settori in cui l’Italia è più avanzata rispetto agli altri Paesi: ha costruito nuove tecnologie, nuovi impianti, team di ricerca e cluster importanti, come quello della chimica verde e del cibo, un’interazione fra il mondo dei rifiuti, delle utility e della ricerca, un’interazione fra istituzioni e industria e mondo dell’ambiente”.

Uno dei casi in cui il Paese “sta veramente facendo sistema”. Ad esempio nella raccolta differenziata di rifiuti “abbiamo campioni come Milano, che fanno testo e in questo momento Parigi la sta seguendo e diverse città da tutto il mondo vengono a visitare Milano. Ma noi non ne parliamo mai e questo è il nostro problema”, sottolinea l’amministratore delegato di Novamont.