Nicola Normanno dal Pascale alla presidenza dell’International Quality Network for Pathology

141
in foto Nicola Normanno

È una associazione internazionale composta da dodici società scientifiche; si chiama IQNPath (acronimo di International Quality Network for Pathology) e vi fanno parte ricercatori europei, statunitensi, canadesi, asiatici e australiani. Il suo scopo è di migliorare gli standard di qualità con cui in tutto il mondo sono eseguite le analisi dei biomarcatori e, quindi, incrementare le possibilità di terapie innovative in pazienti oncologici. Da oggi l’IQNPath ha un nuovo presidente. È un napoletano, si chiama Nicola Normanno ed è, attualmente, il direttore del Dipartimento di Ricerca Traslazionale dell’Istituto per lo studio e la cura dei tumori Pascale. La nomina è avvenuta nel corso del congresso organizzato dall’IQNPath a Napoli giovedì e venerdì scorso dove si sono riuniti i maggiori esperti internazionali sulle analisi dei biomarcatori in oncologia. “I biomarcatori – dice il neoletto presidente – sono essenziali per la medicina di precisione. Sono infatti indicatori biologici del tumore che consentono di individuare la migliore terapia per ogni singolo paziente. Nel congresso di quest’anno si è discusso, in particolare, dei progressi della immunoterapia e in generale della terapia personalizzata, alla luce delle nuove tecnologie di studio dei biomarcatori”. Ogni Paese ha un approccio diverso per la certificazione dei laboratori, le raccomandazioni, il training del personale. Questa organizzazione internazionale ha, appunto, lo scopo di unificare i diversi approcci per garantire a tutti i pazienti l’accesso alle migliori terapie che si possono dare sulla base dei biomarcatori. “La presidenza di questa prestigiosa associazione internazionale – dice il direttore generale dell’Istituto dei tumori di Napoli, Attilio Bianchi – assegnata a Nicola Normanno è un ulteriore riconoscimento dell’elevato livello raggiunto dalla ricerca del Pascale nel contesto della medicina di precisione. Il nostro Istituto è all’avanguardia in questo settore e nuovi investimenti sono in corso per garantire ai pazienti della nostra regione l’accesso a tutte le nuove tecnologie per lo studio e la cura dei tumori”.