Nissan lancia app Electric Travel Guide per vacanze ‘sostenibili’

5

(Adnkronos) – In coincidenza con l’arrivo sulle strade europee di Ariya, il primo crossover coupé 100% elettrico di Nissan, la casa giapponese lancia l’Electric Travel Guide, una applicazione pensata per promuovere viaggi ‘sostenibili’ a livello globale. Una preoccupazione che – emerge da un sondaggio di Booking – è fondamentale per quattro persone su cinque (83%) mentre tre su cinque (61%) vogliono farlo in modo più consapevole rispetto al passato. Sono privilegiate quindi vacanze di prossimità, con mete raggiungibili a bordo di un veicolo elettrico piuttosto che a bordo di un aereo. Proprio a questi viaggiatori si rivolge l’Electric Travel Guide di Nissan, che propone tappe e itinerari all’insegna della cultura, della buona cucina e di paesaggi e scorci cittadini suggestivi.  

Nell’ambito dell’impegno Nissan per raggiungere la neutralità dal carbonio in tutte le operazioni e nei cicli di vita dei prodotti entro il 2050, ogni nuovo veicolo Nissan nei mercati chiave sarà elettrificato entro i primi anni 2030. L’Electric Travel Guide è un’applicazione dinamica, che presto sarà arricchita con nuove destinazioni e nuovi itinerari di viaggio. Come prima destinazione, alla luce dell’impegno in tema di sostenibilità urbana, le innumerevoli attrazioni culturali e l’ampia diffusione di veicoli elettrici, Stoccolma è stata scelta quasi in maniera ‘naturale’ per iniziare questa serie di appuntamenti di viaggio. L’ambizioso obiettivo della città di rinunciare ai combustibili fossili entro il 2040 – sottolinea la casa giapponese – è in linea con la visione Nissan Ambition 2030 per un mondo più pulito, più sicuro e più inclusivo. 

Come spiega Arnaud Charpentier, Region Vice President, Product Strategy & Pricing di Nissan “con l’Electric Travel Guide vogliamo sottolineare che il viaggio sostenibile è fatto del mezzo di trasporto che utilizziamo, ma anche dei luoghi in cui soggiorniamo, del cibo che mangiamo e di tutta l’esperienza che viviamo lungo il percorso”.