**Nobel: Solzenicyn, archivi rivelano timori giurati per dissidente sovietico**

9

Stoccolma, 14 mag. – (Adnkronos) – La decisione di assegnare il Premio Nobel della Letteratura 1970 ad Aleksandr Solzenicyn (1918-2008) fu presa dall’Accademia Svedese praticamente all’unanimità: cinque su sei furono i giurati favorevoli. L’unico contrario fu Artur Lundkvist, che propose Pablo Neruda e Patrick White (poi vincitori negli anni immediatamente successivi, il primo nel 1971 e il secondo nel 1973) ritenendo peraltro lo scrittore russo non completamente soddisfacente da un punto di vista letterario. Ma nonostante la decisione di premiare l’autore di “Una giornata di Ivan Denisovic” e “Divisione cancro”, i giudici del Nobel furono profondamente preoccupati per le conseguenze politiche visto che Solzenicyn era un dissidente anti-Urss. E il primo a manifestare timori per possibili ritorsioni da parte del potere sovietico fu sempre Lundkvist.