Nocciola di Giffoni, via libera al contratto di rete

646

Un importante accordo di filiera, volto a rafforzare il made in Italy, è stato siglato nei giorni scorsi tra gli operatori dell’area di produzione della Nocciola di Giffoni Igp. Come il Gruppo Ferrero lancia il Progetto Nocciola Italia, si attivano anche i produttori corilicoli campani insieme all’azienda Visa Nuts, del gruppo Soleo, con sede a Giffoni Valle Piana, dando un impulso strategico alla filiera della Nocciola Tonda di Giffoni ed in particolare della Igp, sottoscrivendo il Contratto di Rete Benessere in guscio – Terre Campane. A circa 20 anni dal riconoscimento del marchio Igpnasce una rete di operatori fortemente motivati a valorizzare e ad onorare la Regina Mondiale delle Nocciole per sapore, dolcezza, aroma, pelabilità, conservabilità e forma. L’Italia, dopo la Turchia, è un player strategico a livello mondiale con una quota di mercato di circa il 12% della produzione globale di nocciola, due Igp e una Dop. La Nocciola di Giffoni con questa iniziativa imprenditoriale intende penetrare i mercati di riferimento, incontrare il favore dei consumatori e ottenere quindi il ruolo che le spetta a livello italiano, europeo e internazionale. La guida della Rete è affidata all’organo comune al quale sono stati designati Giuseppe Russo (presidente), Vincenzo Ranieri (vice presidente) e Nadia Di Maggio (consigliere). “Il Contratto di Rete”, dichiara il neo presidente Russo, “fissa obiettivi strategici ambiziosi, ma realizzabili, a tutela delle aree interne e della biodiversità, quali l’aumento dell’efficienza, della competitività e dei ricavi, delle imprese aderenti, nella produzione, trasformazione e commercializzazione, nonché la capacità di conquistare il consumatore alle caratteristiche uniche della Nocciola di Giffoni Igp. Inoltre la Rete, tra l’altro, punta a 1) innalzare gli standard di qualità della produzione; 2) realizzare economie di scala anche con progetti e servizi comuni; 3) elevare la professionalità delle risorse umane.” A tal proposito il vice presidente Ranieri condivide gli obiettivi espressi dal presidente Russo ed afferma che “l’obiettivo prioritario della Rete è la Nocciola di Giffoni Igp, ma le imprese della filiera saranno impegnate anche sulla nocciola convenzionale e sulla frutta in guscio (noci e castagne)”. Si rafforza l’azione di sostegno alla Nocciola Giffoni Igp ad opera della Rete Benessere in guscio – Terre Campane che dichiara la piena disponibilità ad affiancare tutte le azioni di promozione e di comunicazione organizzate dal Consorzio di Tutela Nocciola di Giffoni Igp. Altra collaborazione importante su cui la Rete intende impegnarsi, sin da subito, è con il Giffoni Film Festival, brand internazionale, nato nel territorio e già affermato da quasi 50 anni. Supporto strategico per la costituzione della Rete sono stati Laura Di Bisceglie di Usb, Corrado Martinangelo expert politiche Agroalimentari Italia-Ue e Rosario D’Acunto presidente dell’Associazione Nazionale Città della Nocciola. Nelle prossime settimane la Rete Benessere in guscio – Terre Campane terrà un incontro per la presentazione pubblica della sua strategia e dei suoi obiettivi.