Norme antincendio, nasce responsabile tecnico sicurezza

66

Paola MaroneUn sistema di gestione finalizzato all’adeguamento antincendio e un responsabile tecnico della sicurezza: sono le due novità contenute nel decreto ministeriale sulle nuove norme antincendio per le strutture sanitarie di cui si è discusso oggi alla Camera di Commercio di Napoli in un incontro patrocinato dal Consorzio Promos Ricerche, organizzato dall’Ordine degli Ingegneri, dal Collegio dei Geometri e dei Periti Industriali, dal Comando dei Vigili del Fuoco, dal Centro Formazione e Sicurezza di Napoli e dal Formedil Campania. L’obiettivo ? è stato evidenziato ? è assicurare una maggiore sicurezza a tutte le strutture di ambito sanitario e prevenire incendi. Sul punto la presidente Cfs di Napoli, Paola Marone, ha detto: ”La norma attuale non fa altro che integrare il titolo 3 e 4 della norma già emessa nel 2002 e in più introduce anche il titolo 5 in cui è molto importante il sistema di gestione. Con queste norme daremo tutte le informazioni per la messa in sicurezza per il rischio incendio”. Una questione importante è come svolgere gli adeguamenti perché ? ha spiegato la presidente del Cfs ? ”le strutture offrono ricoveri e questi non possono interrompersi. Allora è importante stabilire se bisogna lavorare per lotti o in maniera tale che si possa gradualmente rispettare la norma. E’ importante anche il tavolo tecnico che si deve formare tra sanitari, istituzioni e tecnici preposti per poter pianificare eventi che possano essere compatibili con il funzionamento della struttura sanitaria”. Marone ha ricordato che ”negli ultimi cinque anni abbiamo avuto in Campania circa 125 incendi in strutture sanitarie sia pubbliche che private. La normativa è importante perché con essa nasce la figura del tecnico preposto alla gestione della sicurezza”. Attilio MontefuscoAttilio Montefusco, direttore del Consorzio Promos Ricerche, ha affermato: ”La nostra attività in questo ambito ci deriva dal fatto di essere punto di riferimento degli enti normatori a livello locale. C’è tutto un pacchetto di norme nuove nel settore antincendio, come in tanti altri settori, e noi stiamo seguendo un po’questa onda lunga con i tecnici coinvolgendo direttamente le strutture deputate a dare questo tipo di input al territorio. Noi come struttura delegata per le piccole e medie imprese cerchiamo di portare il verbo alle imprese”.