Novartis, l’ambasciatore svizzero a Torre Annunziata: Stabilimento modello

266
in foto Giancarlo Kessler, ambasciatore della Confederazione Svizzera in Italia

Giancarlo Kessler, ambasciatore della Confederazione Svizzera in Italia, si è recato oggi in visita nello stabilimento farmaceutico Novartis di Torre Annunziata (Napoli), “una delle maggiori e più avanzate realtà produttive della multinazionale elvetica, a livello mondiale” come sottolinea una nota. L’ambasciatore ha visitato gli impianti, recentemente potenziati per consentire l’avvio della produzione, destinata oggi a circa 100 Paesi, di un innovativo farmaco per lo scompenso cardiaco. “Oggi ho avuto l’opportunità di conoscere una realtà tecnologica di prim’ordine – ha detto l’ambasciatore al termine della visita – Questo stabilimento è un mirabile esempio del costante impegno di un investitore svizzero in Italia, a beneficio di entrambi i paesi e anche della comunità globale che, in questo caso specifico, può giovarsi di prodotti farmaceutici di alta qualità, sviluppati con metodologie all’avanguardia”. Lo stabilimento di Torre Annunziata, tra i maggiori insediamenti farmaceutici del Sud d’Italia, è specializzato nella produzione di farmaci in forma solida: nel 2017 ne sono state realizzate 82 milioni di confezioni, destinate a oltre 100 mercati nazionali.
“Questo insediamento svolge da tempo un ruolo chiave nelle strategie produttive globali di Novartis – ha commentato a sua volta il direttore dello stabilimento Antonio De Gregorio – Gli oltre 150 milioni di investimenti effettuati negli ultimi 10 anni lo hanno reso uno dei siti produttivi farmaceutici più innovativi e competitivi del settore, all’avanguardia sotto il profilo della produttività, della qualità, della sicurezza e della sostenibilità ambientale. Questo impegno, che si traduce anche in una valorizzazione delle risorse locali e in una diffusione della cultura dell’innovazione, fa di Torre Annunziata un punto di riferimento per le dinamiche industriali del Mezzogiorno”.