Nucleare: sindaci provincia Viterbo, ‘45% siti in nostro territorio? No netto e forte’ (2)

7

(Adnkronos) – Quindi gli amministratori si chiedono perché il “45% circa dei siti con più requisiti di idoneità” sia stato individuato nel loro territorio: “La risposta non può essere semplicisticamente non ce n’erano altre, ma forse si è voluto identificarla partendo dal presupposto che il nostro territorio, area interna, già gravato da scelte improvvide del passato, quale la centrale nucleare di Montalto di Castro (che attende ancora la bonifica e la riconversione), fosse naturalmente predisposto all’accettazione di questo ulteriore gravame”.