Nuova accusa di plagio per Melania

385

Washington, 8 mag. (AdnKronos) – Dopo il discorso di apertura alla convention nazionale repubblicana del 2016, una nuova accusa di plagio si abbatte su Melania Trump. Un opuscolo informativo pubblicato per la sua prima campagna da first lady chiamata ‘Be Best’, (‘siate migliori’) ha infatti una strana somiglianza con un documento presentato sotto l’amministrazione di Barack Obama.

L’iniziativa di Melania, volta ad aiutare i bambini a rimanere “sani ed equilibrati”, è stata presentata ieri e sul sito ufficiale della Casa Bianca dedicato alla campagna è comparso un link che invita i genitori a scaricare un opuscolo dal titolo ‘Talking with Kids About Being Online’, per sensibilizzare sulla necessità di parlare con i propri figli della loro attività online.

Peccato che, come hanno fatto subito notare in molti sui social, il documento è quasi identico a uno pubblicato per la prima volta dalla Federal Trade Commission (FTC) nel 2014 con il titolo ‘Net Cetera: Chatting with Kids About Being Online’.

Come fa notare il Guardian, le loro copertine anteriori, una serie di 16 simboli in grigio e arancione, sono le stesse eccetto per un piccolo aggiustamento all’icona di uno smartphone, modificata in tutta la pubblicazione per apparire più simile agli apparecchi attuali.

Nel libretto di Melania c’è inoltre una prefazione della stessa First Lady accompagnata dalla sua foto e firma. “Le lezioni in questo opuscolo possono aiutare i bambini a comportarsi in modo premuroso e gentile”, è scritto con un carattere tipografico che è evidentemente diverso dal resto del documento.

Inizialmente l’opuscolo è inoltre stato presentato come “un opuscolo della First Lady Melania Trump e della Commissione federale del commercio”. Ma successivamente, in un’apparente mossa per cercare di limitare i danni, la presentazione sul sito di ‘Be Best’ è diventata “un opuscolo della Federal Trade Commission, promosso dalla First Lady Melania Trump”. Un funzionario della Casa Bianca ha confermato che la presentazione è stata modificata, ma semplicemente perché “sembrava esserci confusione, quindi volevamo essere chiari”.