Nuovo Lexus RX, il lusso espresso nella semplicità del design

24

ROMA (ITALPRESS) – Dettagli sontuosi e sfarzo non sono necessariamente il modo migliore per esprimere il lusso. Un approccio “less is more” con la semplicità del design può essere un modo molto più efficace per comunicare l’alta qualità, come testimoniato dagli interni del nuovo Lexus RX.
Questo approccio è evidente fin dal momento in cui si apre la portiera: le superfici sono pulite e ordinate, contribuendo a creare un senso di spazio e raffinatezza.
Quello che si vede è il risultato di un’evoluzione del design degli interni Lexus, come spiega il capo progettista Jota Kusakari: “Abbiamo sfidato noi stessi nel creare uno spazio semplice e allo stesso tempo equilibrato che non si affidasse agli ornamenti”.
Questo approccio non riduce in alcun modo il fascino del famoso lusso artigianale Takumi di Lexus: “Ci siamo concentrati sul dare alle finiture, ai sedili e ai braccioli una sensazione tattile degna di un abitacolo di alta qualità, prestando attenzione anche alla sensazione di apertura e chiusura delle portiere e alla qualità dell’audio, per ottenere una qualità che ispiri i sensi”, afferma Kusakari.
La semplicità del nuovo design si nota nel modo in cui la plancia si estende in una forma pulita e continua, comprendendo gli indicatori, il pannello degli strumenti e le finiture delle portiere. L’equipaggiamento della vettura con il nuovo sistema di apertura elettronica delle portiere e-latch ha permesso di spostare le maniglie interne più in basso, consentendo di ricavare la sezione superiore dei pannelli delle portiere, creando un’estensione naturale del quadro strumenti.
Il tema della semplicità si integra perfettamente con il concetto Tazuna di Lexus per il cockpit di guida, che razionalizza la posizione e la facilità d’uso dei comandi e delle fonti di informazione, in modo da concentrare l’attenzione sulla guida.
“Incarnando il concetto Tazuna, il design dell’abitacolo realizza uno spazio che consente al guidatore di avere una connessione più profonda e intuitiva con l’auto, permettendogli di controllarla come voluto”, afferma Kusakari. Questa logica è testimoniata in dettagli come la disposizione coordinata delle fonti di informazione – display della console centrale, indicatori e head-up display – in modo che i loro contenuti possano essere visualizzati con una piccola regolazione dell’altezza degli occhi del guidatore.
La qualità sensoriale rafforza l’impatto del design in tutto ciò che gli occupanti dell’auto possono vedere, toccare e sentire. Questo include tutto, dal nuovo sistema multimediale con un HMI migliorato che combina touch screen intuitivo e controlli fisici dei pulsanti, all’aspetto piacevole e al fascino tattile di nuovi materiali e rivestimenti, l’illuminazione ambientale con una gamma completa di opzioni di colore e il suono rassicurante fatto dalle portiere mentre si chiudono.
Il design rilassante e rassicurante dell’abitacolo si riflette anche nel modo in cui puoi comunicare direttamente con l’auto. Il nuovo assistente di bordo “Hey Lexus” pronto a rispondere a richieste e comandi utilizzando un linguaggio naturale e colloquiale. Digli che hai fame e ti consiglierà i posti dove mangiare nelle vicinanze; fai presente che hai freddo e regolerà l’aria condizionata.
Il design degli interni è perfettamente appropriato per un SUV, offrendo la necessaria praticità, modularità e flessibilità. Grazie al packaging e al design intelligenti, c’è più spazio per le ginocchia per i passeggeri dei sedili posteriori e una migliore visuale sia di lato che davanti, anche grazie alla linea di cintura più bassa dell’auto e al campo visivo anteriore più ampio. L’accesso è stato reso più facile con un punto dell’anca più basso e la regolazione elettrica della posizione di facile accesso. Per i viaggi in famiglia, il vano di carico posteriore corrisponde all’attuale RX per capacità, nonostante il nuovo modello abbia uno sbalzo posteriore più corto; lo spazio è stato ottenuto grazie a soluzioni di design tra cui un portellone posteriore più sottile, un design della sospensione posteriore più verticale e un’altezza di carico ridotta.

– foto ufficio stampa Lexus –

(ITALPRESS).