Nuovo look per Italo, festeggia 5 anni con nuove divise

26

Roma, 7 giu. (AdnKronos) – Italo cambia look per il suo quinto compleanno. Per festeggiare i suoi primi cinque anni di attività, Ntv, l’operatore ferroviario privato dell’alta velocità, inaugura le nuove divise del suo personale. All’insegna di praticità ed eleganza, le nuove uniformi, realizzate dalla Manifattura Fraizzoli, sono state presentate oggi a bordo di un treno partito da Milano Centrale e arrivato a Roma Termini in serata.

Il train manager, che oltre a mansioni di controlleria è responsabile della sicurezza a bordo treno, indosserà una divisa composta da giacca e pantaloni blu abbinati ad una camicia bianca così da rendere più facile l’identificazione in caso di necessità. Per hostess e steward di bordo, e per tutto il personale di stazione, allo stile classico ed elegante saranno unite comodità e praticità di un abito da lavoro, indossato a 300km all’ora. Una giacca color rosso brillante, una camicia bianca, gilet e pantaloni blu andranno a comporre questa divisa, unica alternativa la possibilità di utilizzare la gonna al ginocchio per il personale femminile di terra. Poiché anche i dettagli sono importanti, ci sarà un foulard per le ragazze ed una cravatta per gli uomini, entrambi blu con il logo del leprotto stilizzato. Più sportiva invece la divisa del macchinista composta da pantaloni blu in tessuto tecnico (per facilitare l’imbarco e la discesa dalla cabina di pilotaggio), polo rossa e felpa blu.

Ogni componente della divisa è stato pensato da Italo, in collaborazione con Fraizzoli, grazie anche al supporto del personale operativo, coinvolto dalla società per ideare una divisa il più possibile confortevole e pratica, garantendo ampia comodità a chi la indosserà e ci lavorerà quotidianamente. Fraizzoli da oltre 90 anni è un simbolo nel settore dell’abbigliamento specializzato in produzione e distribuzione di uniformi di rappresentanza, abiti da lavoro ed indumenti professionali in genere.

Nuove divise, dunque, per festeggiare un traguardo importante per Italo, dal debutto sui binari avvenuto il 28 aprile del 2012, quando il primo treno partì per il suo primo viaggio lungo la tratta Napoli – Milano. Cinque anni intensi che, superati i momenti di difficoltà, hanno visto Italo crescere, ampliare il proprio network ed introdurre nuovi servizi. Nel 2015 è partito infatti il progetto intermodale Italobus (primo progetto rotaia – gomma in Italia), con la comodità di un unico biglietto si ha la possibilità di viaggiare sul treno Italo per poi proseguire il viaggio sul bus Italobus, che ha permesso di avvicinare il Paese all’Alta Velocità.

Nel corso degli anni sono state aperte nuove tratte e sono aumentati i collegamenti giornalieri, ad oggi 56, per soddisfare le richieste dei tanti viaggiatori (a fine 2016 erano ben 11 milioni). Per continuare a crescere Italo ha ordinato 12 nuovi treni Pendolino, prodotti sempre da Alstom, che andranno ad affiancare gli attuali 25 treni AGV, aumentando la flotta del 50%. I primi di questi Pendolino Italo entreranno in servizio a fine 2017, dando la possibilità di aumentare ancora tratte e frequenze quotidiane. Per far fronte all’implemento della flotta Italo ha previsto 160 nuove assunzioni entro il 2018, inserendo nuovi giovani nel proprio organico; attualmente il personale operativo di Italo è composto da circa 700 persone: 68% donna e 32% uomo, con un’età media di 29-30 anni. Per formare le nuove risorse e mantenere elevati gli standard di qualità, Italo investe costantemente in corsi di formazione mirati a trasmettere i valori aziendali di accoglienza e professionalità.

“Nuove divise, nuovi treni, nuove frequenze e nuove tratte. Il 2017 è per noi un anno importante di consolidamento ma anche di sviluppo” ha spiegato Gianbattista La Rocca, direttore generale di NTV. “Italo in 5 anni appena compiuti ha fatto molta strada e tanti cambiamenti, ma sono rimasti sempre gli stessi l’entusiasmo e la passione con la quale abbiamo iniziato questa avventura. Nel 2016 ci hanno scelto 11 milioni di passeggeri e voglio pensare che ci abbiamo scelto per la nostra efficienza , per le nostre offerte e per i nostri prodotti ma anche per le nostre persone che quotidianamente si impegnano per offrire quel servizio che da sempre ci contraddistingue. Un grazie quindi a chi ci rappresenta : le nuove divise li renderanno più belli ma sempre appassionati e innamorati del nostro treno”.

Da quando Italo ha di fatto introdotto la concorrenza sul mercato ferroviario ad Alta Velocità, in Italia c’è stata una netta inversione di tendenza: dal 2012 la domanda è aumentata dell’80% ed il prezzo medio del biglietto è diminuito del 40%. Inizialmente non è stato semplice misurarsi con un sistema non abituato ad avere dei concorrenti, ma grazie all’insediamento dell’Autorità di Regolazione dei Trasporti (ART) la situazione si è stabilizzata, consentendo ad Italo di agire in un mercato regolato e monitorato. Certamente ci sono aspetti che potranno essere ancora migliorati ma già sono stati fatti diversi passi in avanti.

Proprio per essere il primo operatore ferroviario completamente privato ad agire sul mercato dell’Alta Velocità, Italo in soli 5 anni è diventato un punto di riferimento per diverse compagnie estere che vogliono provare a compiere gli stessi passi nei loro Paesi. I risultati sono infatti sotto gli occhi di tutti: ad oggi Italo serve 13 città e 17 stazioni con i treni, 19 località con Italobus (che nel solo 2016 è stato utilizzato da 40mila viaggiatori) e punta ad incrementare questi dati nel prossimo futuro.