Olimpiadi italiane di informatica a Salerno, studenti da tutta Italia

82

Si sono aperte nella giornata di ieri e termineranno domani le Olimpiadi italiane di informatica, che quest’anno si stanno svolgendo presso l’Università degli Studi di Salerno, nel Campus universitario di Fisciano. Si sono aperte nella giornata di ieri e termineranno domani le Olimpiadi italiane di informatica, che quest’anno si stanno svolgendo presso l’Università degli Studi di Salerno, nel Campus universitario di Fisciano. La competizione è stata promossa, come ogni anno, dal Ministero dell’Istruzione dell’Università e Ricerca e dall’Aica (Associazione italiana per l’informatica e il calcolo automatico). Dei 95 studenti partecipanti, 50 provengono dal Nord, 29 dal Centro e 16 dal Sud e Isole. L’edizione 2014 si distingue per una maggiore partecipazione delle ragazze (5 studentesse in tutto). Il gruppo dei concorrenti alla competizione è stato formato secondo dei criteri specifici: i migliori 78 della selezione territoriale che hanno ottenuto un punteggio uguale o superiore al valore medio della classifica nazionale; 10 studenti che erano stati nel gruppo dei “probabili olimpici” nella passata edizione e hanno ancora le caratteristiche richieste per partecipare, ovvero frequentano ancora la scuola e hanno l’età richiesta; altri 8, infine, provengono dalle Olimpiadi italiane di matematica (medagliati oro e argento). Il contenuto della gara prevede la risoluzione di un problema, di tipo algoritmico, attraverso la scrittura di un programma in linguaggio C, C++ o Pascal. Carmela Palumbo, direttore generale del Miur, valuta questo avvenimento annuale in modo positivo: “Confermiamo l’altissimo valore di questa competizione che, come ogni anno, rappresenta un occasione importante per portare l’attenzione sulle straordinarie qualità dei ragazzi e delle ragazze più brillanti delle nostre scuole, valorizzandone le loro capacità e il costante impegno. Le Olimpiadi rappresentano un occasione unica per ribadire e sottolineare il valore fondamentale della formazione digitale nella scuola come strumento essenziale per il futuro dei nostri giovani e il loro inserimento nel mercato del lavoro”. Giulio Occhini, direttore di Aica, elenca i benefici a cui possono accedere i partecipanti alla competizione: “Le Olimpiadi italiane di informatica si configurano come un’importante trampolino verso opportunità di rilievo: la partecipazione alla competizione internazionale, l’accesso alle borse di studio che la Banca d’Italia offre ai 5 migliori classificati della gara nazionale e la collaborazione da parte dell’Università della Svizzera italiana di Lugano, che da 2 edizioni offre ai medagliati 4 borse di studio per la frequentazione di un anno accademico”. I talenti informatici di tutto il mondo si sfideranno poi alle prossime Olimpiadi internazionali, in programma nel Kazakistan a Luglio 2015.