Omicron, Iss: con variante reinfezioni in aumento

24

(Adnkronos) – Aumentano i casi di reinfezione da covid nella fase di circolazione del virus sostenuta dalla variante Omicron. Nell’ultima settimana la percentuale di contagi ripetuti nella stessa persona, sul totale dei casi segnalati, risulta pari a 4,1%, in aumento rispetto alla settimana precedente quando era al 3,5%. Lo evidenzia il Report esteso dell’Istituto Superiore di sanità (Iss) sulla sorveglianza del Covid 19 e l’impatto delle vaccinazioni.  

In generale dal 24 agosto scorso al 6 aprile, sono stati segnalati 319.005 casi di reinfezione, pari a 3,1% del totale dei casi notificati. Mentre l’analisi del rischio di reinfezione – a partire dal 6 dicembre dello scorso anno (data considerata di riferimento per l’inizio della diffusione della variante Omicron) – evidenzia un aumento del rischio superiore in alcune categorie. A partire dalle donne. Questo potrebbe essere dovuto, secondo l’Iss, alla loro maggiore presenza nelle scuole (oltre l’80%) dove c’è una intensa attività di screening, ma anche al fatto che le donne svolgono più spesso la funzione di assistenza all’interno della famiglia. Un rischio maggiore è evidente anche negli operatori sanitari e nelle fasce di età più giovani- tra i 12 e i 49 anni – presumibilmente per comportamenti che espongono di più all’infezione rispetto agli over 60.  

Corrono maggiori rischi anche le persone con prima diagnosi di Covid-19 notificata da oltre 210 giorni rispetto a chi ha avuto la prima diagnosi fra i 90 e i 210 giorni precedenti. Infine nelle persone non vaccinate o vaccinate con almeno una dose da oltre 120 giorni rispetto ai vaccinati con almeno una dose entro i 120 giorni.  

MENO CASI IN ETA’ SCOLARE NELL’ULTIMA SETTIMANA – Diminuiscono intanto, rispetto alla popolazione generale, i casi di Covid in bambini e ragazzi in età scolare, che passano dal 25% al 22%. Negli ultimi sette giorni il 17% dei casi, in questa popolazione, è stato rappresentato da bambini sotto i 5 anni, il 43% dai piccoli tra i 5 e gli 11 anni, il 39% tra i 12 e i 19 anni. 

I dati indicano che dall’inizio dell’epidemia sono stati diagnosticati e riportati al sistema di sorveglianza integrata 3.418.325 casi nella popolazione da 0 a 19 anni, di cui 16.690 ospedalizzati, 371 ricoverati in terapia intensiva e 53 deceduti.  

Resta stabile il tasso di ospedalizzazione in tutte le fasce d’età ad eccezione dei piccoli sotto i 5 anni in cui risulta in aumento, “benché i dati riferiti all’ultima settimana siano da considerare in via di consolidamento”, avverte l’Iss