Omovies Film Festival 2020, concorso di cinema Lgbt “Q”: 63 opere in gara. Gran Gala in onda su Piuenne

154

Numeri straordinari per la 13esima edizione dell’Omovies Film Festival, concorso internazionale di cinema omosessuale, transgender e questioning promosso dall’Associazione i Ken Onlus con la direzione artistica di Carlo Cremona, che ha raggiunto centinaia di migliaia di appassionati di cinema grazie alla sua programmazione di pellicole nella Cinema Room del portale www.omovies.it e sui social network dedicati. Mercoledì 30 dicembre verranno consegnati i premi ai vincitori durante il Gran Gala condotto da Priscilla – Queen of Mykonos e dall’attrice Maria Bolignano, in onda alle ore 21.10 su Piuenne (canale 17 dgt). Le 63 opere selezionate, provenienti da 16 nazioni, si contenderanno i premi realizzati dall’artista e scultore Pasquale Manzo e che rappresentano un Pulcinella simbolo del teatro partenopeo che solleva la “O” di Omovies con una corona per dire che la cultura sconfigge le paure anche quelle nate dalla pandemia. Riconoscimenti andranno al miglior lungometraggio e cortometraggio, miglior documentario corto, medio e lungo, il premio i Ken e il premio speciale “Vincenzo Ruggiero” per giovani artisti migliore esordiente e migliore interprete under 30. Quest’ultimo «nasce dall’idea di tenere vivo il ricordo di Vincenzo e in particolar modo il suo più grande sogno, quello di diventare attore. Questo premio infatti è rivolto ai giovani ragazzi che riescono a coronare questo traguardo tanto ambito da tante persone» spiegano gli organizzatori. Premiati che interverranno in collegamento da tutto il mondo. “Siamo molto soddisfatti dall’entusiastica risposta del web, grandi numeri che ci ripagano dell’immenso lavoro che c’è dietro, di tutta la squadra operativa, la preziosissima giuria, i ragazzi di inTRANSlation, che hanno lavorato incessantemente anche in piena pandemia. Abbiamo così raggiungo molteplici traguardi. Sicuramente abbiamo fatto compagnia con lavori inediti alle tante persone che sono stati in casa anche durante le feste. Inoltre, abbiamo ravvicinato al festival i tanti napoletani che hanno dovuto lasciare la città per motivi di lavoro e sparsi nei 5 continenti si sono sentiti più vicini alla loro Napoli. E ancora, abbiamo favorito la diffusione in Italia di opere a tema Lgbt provenienti da tutto il mondo. Una edizione in cui abbiamo innovato e continueremo a farlo i prossimi anni. Grande novità di successo di quest’anno, infatti, è stata la nascita di Lgbtchannel.tv, una televisione a tema con approfondimenti non solo sul cinema ma anche sull’attualità, realtà che sta riscontrando ottime critiche e il supporto di personalità come Fabio Canino e Vladimir Luxuria, ospiti nei talk. Infine, è importante che passi il messaggio che senza risorse pubbliche strategiche iniziative come la nostra muoiono, al contrario grazie a loro siamo riusciti a fare sviluppo anche in momento di crisi» dichiara Carlo Cremona.