“Onco-chip”, in Italia arriva il Passaporto genetico: accesso rapido alle terapie innovative

139

Il Passaporto genetico, vale a dire un Onco-chip che contiene i dati del Dna del tumore di ogni paziente, rende più facile e rapido l’accesso alle terapie innovative. Succede all’Istituto Europeo di Oncologia, che si conferma come il centro italiano con il maggior numero di casi di cancro sequenziati: oltre 1500 nel 2019. Da pochi mesi Ieo ha inoltre istituito un Molecular Tumor Board che interpreta i dati dell’Onco-chip e li integra con i big data delle banche mondiali, per trovare la migliore cura esistente per ogni paziente. I risultati sono stati presentati alla Giornata della Ricerca Ieo, evento scientifico conclusivo del 25esimo anniversario dell’Istituto. “Passaporto Genetico e Molecular Tumor Board sono complementari e hanno un unico obiettivo: la massima personalizzazione delle cure – dichiara Roberto Orecchia, Direttore Scientifico – Possiamo parlare oggi di Personalizzazione Molecolare perche’ cerchiamo farmaci efficaci contro le molecole che compongono la cellula tumorale della persona che stiamo trattando. Un risultato straordinario e tanto piu’ significativo perche’ si applica anche alla popolazione di malati piu’ difficili, che non sono responsivi alle terapie standard. E’ proprio in questi casi infatti che interviene il Molecular Tumor Board, un team multidisciplinare che utilizza i dati del Passaporto Genetico per creare un mini-avatar del tumore e confrontarlo con gli altri avatar nel mondo, per sapere in tempo reale se in qualche caso e’ stato utilizzato un farmaco rivelatosi efficace, anche se “off label”, cioe’ originariamente approvato e prescritto per altre malattie”. “Nell’era della genomica il segreto per le nuove terapie e’ la condivisione dei dati – aggiunge Giuseppe Curigliano, Direttore della Divisione Sviluppo Nuovi Farmaci per Terapie Innovative Ieo – Quando ci troviamo di fronte a un tumore con una mutazione genetica non nota, possiamo verificare se e’ una “mutazione privata”, che e’ stata rilevata quindi solo in quel paziente, oppure se e’ gia’ stata studiata e trattata con molecole mirate a quella mutazione. Per far questo in Ieo consultiamo, tramite l’intelligenza artificiale, quattro database mondiali, tra cui quello del Memorial Sloan Kettering, che da’ accesso a quasi 100.000 profili genici di tumore e alla loro storia clinica. E’ una svolta di enorme importanza per i pazienti”.