Onde gravitazionali, onorificenze a tre scienziati dell’Infn

59
In foto, da sinistra, Giovanni Losurdo, Federico Ferrini, Valeria Fedeli, Fulvio Ricci, Fernando Ferroni

Federico Ferrini, Giovanni Losurdo e Fulvio Ricci, tre scienziati dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) che hanno contribuito alla scoperta delle onde gravitazionali, sono stati premiati con il titolo di Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. I tre hanno ricevuto l’onorificenza lo scorso 13 aprile, nella sede del Miur a Roma, dalle mani del ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli; sono tra gli artefici di Virgo, l’interferometro di Cascina (Pisa) che ha consentito la misura del primo segnale delle onde gravitazionali, prodotte dalla fusione di due stelle di neutroni. “Grazie a questo progetto l’Italia ha contribuito a scrivere una delle pagine più importanti della fisica moderna”, ha sottolineato il ministro. “Quello di oggi è uno splendido riconoscimento a chi, per così tanti anni, ha perseguito la ricerca di un segnale che sembrava quasi impossibile da rivelare, mettendo la scienza italiana al centro del panorama mondiale”, ha detto Fernando Ferroni, presidente dell’Infn. Secondo Federico Ferrini, ex direttore dell’Osservatorio Gravitazionale Europeo di Cascina e, da marzo, alla direzione del Cherenkov Telescope Array Observatory di Bologna, l’onorificenza “riconosce l’importanza e il ruolo leader della ricerca italiana in fisica che, nonostante le grandi difficoltà tecnologiche e manageriali che progetti di ricerca di frontiera come Virgo inevitabilmente pongono, è riuscita a raggiungere risultati storici, grazie a un esemplare lavoro di gruppo”. Fulvio Ricci, professore di Fisica Generale e Gravitazione Sperimentale alla “Sapienza” di Roma e associato alla Sezione di Roma 1 dell’Infn, dal 2014 al 2017 è stato alla guida della collaborazione internazionale tra Virgo e il progetto analogo americano Ligo; è stato lui, a febbraio 2016, ad annunciare in Europa la prima osservazione diretta di un’onda gravitazionale. “Insieme con la collaborazione internazionale Virgo, che ho avuto l’onere e l’onore di dirigere, siamo riusciti nell’intento di osservare direttamente le prime onde gravitazionali e a contribuire in modo determinante alla nascita dell’astronomia multimessaggera”, ha dichiarato. “Vorrei condividere idealmente questo riconoscimento – ha aggiunto Giovanni Losurdo – con tutti coloro che, in un grande lavoro di squadra, hanno contribuito a realizzare Advanced Virgo. Adesso guardiamo avanti: al prossimo periodo di presa dati, da cui ci aspettiamo nuove sorprese, al miglioramento progressivo di Virgo nei prossimi anni, al rivelatore di nuova generazione, l’Einstein Telescope, per cui la Sardegna sarebbe un sito ideale”. Primo ricercatore dell’Infn di Pisa, a partire dal 2006 Losurdo ha coordinato le attività per dar vita ad Advanced Virgo; nel 2009, dopo l’approvazione del progetto da parte degli enti finanziatori, ne é diventato project leader, guidando l’attività di oltre 200 fisici, ingegneri e tecnici di cinque Paesi europei – Italia, Francia, Olanda, Polonia e Ungheria –, dal disegno del rivelatore fino al completamento.

P.C.