Onorato Armatori: nessun ingresso di Aponte nel capitale del Gruppo

67

Onorato Armatori “può far leva, per sviluppare i suoi ambiziosi programmi, su una solida base patrimoniale e su un adeguato equilibrio economico-finanziario” ed “è pura fantasia giornalistica” l’ipotesi di ingresso di Gianluigi Aponte, azionista del gruppo Msc, nel capitale. A precisarlo, in una nota, è Onorato Armatori in riferimento “alle curiose notizie circolate da alcuni organi di stampa nei giorni scorsi, relative alla sua situazione finanziaria”.

“Alcun obiettivo di ebitda è stato formalizzato agli investitori al momento della presentazione dell’operazione di rifinanziamento. La previsione di ebitda comunicata lo scorso mese di settembre agli investitori e riportata dalla stampa, del 21-23%, rappresenta un target positivo, nel contesto competitivo attuale”, sottolinea Onorato Armatori.

“L’indebitamento del gruppo – prosegue la nota – anch’esso ha un andamento positivo. Nonostante significativi investimenti sulla flotta, la posizione finanziaria netta del Gruppo migliorerà a fine anno di circa 80 milioni di euro, contrariamente a quanto fatto registrare finora nei conti, e facilmente consultabile nei bilanci, di altri player dello stesso settore e di altri competitor il cui indebitamento sale esponenzialmente di anno in anno”.

“Il pagamento dell’ultima rata di Tirrenia Cin – spiega ancora Onorato Armatori – è stato differito per espressa previsione contenuta nel contratto di compravendita, in attesa della decisione comunitaria definitiva sui presunti aiuti di stato ricevuti da Tirrenia negli anni precedenti”.

Il gruppo “continua a perseguire efficacemente l’obiettivo di sempre: maggiori sinergie tra Moby e Tirrenia e fornisce regolarmente ai mercati finanziari, su base trimestrale, aggiornamenti dettagliati su tali sinergie nonché sul suo andamento economico, finanziario e patrimoniale, attraverso rendiconti e presentazioni particolarmente trasparenti che consentono a tutti gli interessati di avere un quadro completo ed esauriente della situazione”.

“L’ipotesi di un ingresso dell’azionista del gruppo MSC nel capitale del Gruppo Onorato Armatori, è invece una pura fantasia giornalistica. A questo proposito, vale la pena ricordare che la divulgazione di notizie false, imprecise o fuorvianti, di carattere economico-finanziario o relativamente a ipotetiche operazioni di carattere straordinario, rappresenta una distorsione delle normali dinamiche competitive nonché un danno per il Gruppo e per i suoi investitori”, conclude Onorato Armatori.