Open Arms: Conte, Di Maio e Lamorgese tra testi difesa Salvini, il 15 il via al processo/Adnkronos (4)

7

(Adnkronos) – Sul banco dei testimoni anche il comandante della nave Marc Reig Creus, che è pure parte civile, e la capo missione Ana Isabel Montes che spiegheranno, secondo la difesa, perché “seguirono certe rotte” ma anche cosa c’era sul diario di bordo. Nel corso dell’udienza preliminare l’avvocata Giulia Bongiorno, durante la discussione, aveva più volte sottolineato che “il divieto di ingresso di Open Arms in acque italiane” sarebbe stato all’epoca firmato dai ministri “Salvini, Toninelli e Trenta. Ma qui è presente solo Salvini”. Mentre lo stesso Salvini, nella lunga memoria aveva sottolineato: “Da un attento esame dei fatti accaduti non può ritenersi sussistere nessuna violazione di norme penali in quanto la condotta che mi viene contestata è insussistente”. “La condotta” che “mi viene contestata non è che un’automatica conseguenze delle scelte politiche effettuate dall’intera compagine governativa nel perseguimento dell’interesse pubblico a un corretto controllo e a una corretta gestione dei flussi migratori, nonché a una piena tutela dell’ordine pubblico e, più in generale, un doveroso atteggiamento di salvaguardia delle prerogative costituzionali dello Stato italiano sulla scorta delle relazioni internazionali e del diritto internazionale in condizione di parità con gli altri Stati”, diceva ancora Salvini.