Open Fiber investe nella formazione per i giovani di Scampia, domani la presentazione del progetto

36

Lavorare in team e sapersi relazionare con gli altri, cogliere i cambiamenti e trasformarli in opportunità, implementare al meglio nel mondo occupazionale le informazioni ottenute durante il proprio percorso educativo. Sono i pilastri alla base del progetto di alternanza scuola-lavoro che vede in campo Open Fiber, società compartecipata da Enel e Cdp Equity, ed Elis, un programma formativo quest’anno rivolto a quattro istituti superiori di altrettante città italiane, da Milano a Roma passando per Catania. A Napoli la scelta è caduta su una scuola-simbolo, un’eccellenza didattica radicata in un territorio troppo spesso vittima del pregiudizio: l’ITI “Galileo Ferraris” di Scampia, l’Istituto tecnico industriale che da anni indirizza i suoi allievi verso le innovative professioni legate alla tecnologia, all’informatica, all’elettronica e in particolare alle telecomunicazioni. Il progetto di alternanza scuola-lavoro sarà presentato martedì 4 dicembre, a partire dalle ore 10.15, nell’aula magna dell’Istituto tecnico di Scampia. Ad aprire la manifestazione il professore Federico Ceccarini, referente per l’alternanza del “Ferraris”. Sarà invece il dottor Ivan Rebernik, direttore personale e organizzazione di Open Fiber, a entrare nel vivo dell’iniziativa raccontando la mission e i valori dell’azienda impegnata a realizzare una rete nazionale di telecomunicazioni integralmente in fibra ottica. Seguiranno gli interventi dei due “maestri di mestiere” che accompagneranno gli studenti coinvolti nel percorso formativo: Paola Sergio e Fabio Melia, professionisti provenienti rispettivamente dalle aree gestione operativa e comunicazione di Open Fiber.

Toccherà quindi alla dottoressa Rosanna Bibbò, referente di “Alleanza per l’alternanza” di Elis, il compito di illustrare le specificità del progetto formativo e le caratteristiche del centro educativo non profit nato su ispirazione di San Josemarìa Escrivà. Prima del dibattito finale con gli studenti, i saluti dell’ingegnere Apostolos Paipais, presidente della VIII Municipalità di Napoli. Le peculiarità del “Ferraris”, la sua ricca offerta didattica e il ruolo sociale svolto sul territorio hanno spinto Open Fiber a focalizzare la sua attenzione sull’istituto di via Labriola. Il rapporto è stato favorito dalla proficua collaborazione instaurata con la dirigenza scolastica, guidata fino allo scorso anno dall’ingegnere Alfredo Fiore e oggi nelle mani del professor Saverio Petitti. Il progetto formativo gode inoltre del patrocinio della Municipalità che amministra i quartieri di Piscinola, Marianella, Chiaiano e Scampia: grazie al presidente Paipais è stato infatti possibile sviluppare il dialogo tra l’azienda diretta dall’amministratore delegato Elisabetta Ripa e l’Istituto tecnico industriale del capoluogo campano. Nel corso di “Napoli4.0-Prospettive occupazionali a prova di futuro”, un incontro pubblico del febbraio scorso tenuto proprio al “Ferraris”, era emersa la condivisa volontà di proseguire e rafforzare il legame tra i diversi attori coinvolti. Un impegno mantenuto attraverso questa nuova opportunità formativa offerta agli studenti delle quarte classi. Ai partecipanti più meritevoli un’ulteriore possibilità: essere selezionati per uno stage aziendale nella sede Open Fiber diNapoli.