Operatori postali a convegno: Le prossime sfide? Formazione, concorrenza e regolamentazione

65
in foto Valterio Castelli, presidente e Ceo di Sailpost Spa

Un’occasione di confronto tra le Istituzioni e i principali operatori del mercato postale e della logistica. Tra i temi trattati, la tutela della concorrenza e la futura regolamentazione del mercato postale e della logistica, oltre alla formazione delle aziende e dei dipendenti che operano in questi ambiti. Sono questi gli argomenti principali discussi durante la quinta edizione del convegno annuale Assopostale, associazione di operatori postali privati fondata nel 2016, dal titolo “L’osservatorio del mercato postale e della logistica: Concorrenza, Regolazione e Formazione”, che si è tenuta oggi presso la Link Campus University di Roma.
“La scelta dell’Università come luogo che ospita il convegno di quest’anno, fa emergere fin da subito il ruolo chiave che ricopre per noi la formazione, sia aziendale sia delle risorse umane, vero motore trainante del settore. Ma questo potrebbe anche non bastare – ha spiegato Valterio Castelli, Presidente Assopostale e Presidente-CEO Sailpost S.p.A -. La crescita è contestuale al quadro normativo e alla futura regolamentazione del mercato postale e della logistica. Da qui passerà molto del nostro futuro. Infine, c’è il problema della concorrenza: il nostro settore è un ambito che offre spazio e possibilità di business a tutti gli operatori ed è quindi fondamentale preservare questo diritto e non cadere nell’errore di regredire a una situazione di monopolio quasi totale”.
A seguito della recente liberalizzazione del mercato postale delle multe e degli atti giudiziari, infatti, sta assumendo un’importanza primaria l’esigenza di una maggiore sicurezza per tutto il settore e un’attenzione particolare alla formazione di figure professionali capaci di operare in questo nuovo scenario anche all’interno della pubblica amministrazione.
Ospiti dell’incontro Ivana Nasti, Direttrice della Direzione Postale dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni AgCom, Rosa Salvati, Funzionaria della Direzione Credito, Poste e Turismo della D.G. per la Concorrenza Autorità Antitrust e Francesco Tufarelli, Direttore dell’ufficio per il coordinamento delle politiche dell’Unione Europea Presidenza del Consiglio dei ministri.
Moderato da Emanuel Bonanni, segretario generale di Assopostale, al convegno hanno preso parte anche Marco Bussone, presidente Nazionale Uncem, Romano Benini e Liano Capicotto, professori Link Campus University, Fabio Petracci, vicepresidente CIU Unionquadri e presidente Centro Studi “Corrado Rossitto”, Amedeo Teti, presidente Associazione Log-i-co, Daniel Giovannetti, Consiglio direttivo Assopostale e ad Società iCarry, Elisabetta Vernoni, Human Resources Director FM Logistic, Matteo Marchiori, Consiglio Direttivo Assopostale e ad. Società Vendo A, Renato Peditto, responsabile relazioni istituzionali del Consorzio Arel e resp. comm. società Fulmine Group, Carlo Valentinetti, Associato Assopostale e ad della società Teknopost.

Hanno detto
Roberto Russo, direttore Link Campus University
“Siamo molto felici di tornare oggi a incontrarci dal vivo per un momento di dibattito che assume un valore significativo in questo momento. La formazione deve giocare un ruolo chiave nella ripresa del Paese, questo perché rappresenta un’eccellenza italiana riconosciuta anche fuori dai confini del nostro Paese”.

Guido Nicolini, presidente Confetra, Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica
“Con oltre 4.000 imprese e una crescita dell’eCommerce che lo scorso anno il Politecnico di Milano ha quantificato, anche grazie alla pandemia e alle conseguenti misure restrittive, in un +31% per i prodotti, il settore si candida ad assumere un ruolo sempre più rilevante nella movimentazione nazionale delle merci. “Occorre garantire a tutti gli operatori del settore un libero accesso al mercato, rilanciando allo stesso tempo la concorrenza e superando quei vuoti normativi che distorcono la leale competizione tra le imprese, è fondamentale e non più procrastinabile. Il progresso tecnologico non deve diventare un pretesto per far riemergere sacche di monopolio sotto altre forme”.

Francesco Tufarelli, direttore dell’ufficio per il coordinamento delle politiche Ue, Presidenza del Consiglio

“Il settore postale è particolarmente rilevante e importante per l’Italia. Stiamo parlando di un mercato che durante la pandemia non si è mai fermato garantendo ogni giorno sempre continuità dei servizi. Credo che il Paese per questo debba qualcosa a questo settore. Invito ufficialmente i rappresentanti del comparto postale a partecipare alle consultazioni, lanciate in occasione della Conferenza sul futuro dell’Europa, dove ascolteremo e trasmetteremo i risultati alla Conferenza e soprattutto ai nostri delegati, il Ministro Luigi Di Maio e Vincenzo Amendola, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio (Affari europei)”.

Ivana Nasti, direttrice della Direzione Postale dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

“È importante proseguire nella regolamentazione del settore postale per disciplinare anche le nuove attività emergenti come quelle collegate ai riders, dobbiamo infatti garantire sicurezza e tutela dei lavoratori e poi dobbiamo mettere tutti gli operatori alla pari nel mercato”.

Elisabetta Vernoni, Human Resources Director FM Logistic

“È stata un’occasione per ricordarci quanto sia un settore importante ed in evoluzione che asseconda tutti i settori economici del Paese, sottolineando quanti imprenditori e lavoratori siano portatori di elevate competenze e capacità”.