Organizzare un viaggio negli USA: cosa serve per partire preparati

40

Se si sta organizzando un viaggio negli Stati Uniti è necessario ricordare che prima di definire itinerari e luoghi da visitare bisogna assicurarsi di essere in regola con tutti i documenti. Oltre al passaporto, infatti, per recarsi negli USA è necessario disporre di un visto.

Prima del viaggio: passaporto e visto

Se vi state chiedendo cosa serve per recarsi negli Stati Uniti, la risposta è molto semplice: indipendentemente dal motivo che vi porta negli USA, infatti, non potrete recarvici se non disponete di una documentazione valida. Se è vero che quasi tutti sanno che per recarsi in nazioni straniere è necessario avere il passaporto, da richiedere presso la Questura o il Commissariato della propria città, non sempre tutti sanno che, per recarsi negli Stati Uniti, questo documento di riconoscimento non è sufficiente. A seconda delle motivazioni che vi portano negli States, infatti, può essere necessario richiedere un visto di tipo differente. Se si sta partendo per un viaggio di piacere o per una trasferta lavorativa breve, si potrà tuttavia approfittare del fatto che l’Italia fa parte del Visa Waiver Program, un programma che permette di viaggiare con il solo visto elettronico ESTA. Questo è un particolare documento che va richiesto online e viene rilasciato in pochissimo tempo: per sicurezza il Governo degli Stati Uniti suggerisce di fare richiesta dell’ESTA almeno 72 ore prima della partenza ma spesso il rilascio avviene anche in tempi minori.

Le diverse tipologie di visto

Nella maggior parte dei casi, le persone che viaggiano verso gli Stati Uniti lo fanno per motivi turistici o lavorativi. In questo caso, per i cittadini italiani, sarà necessario richiedere il visto elettronico ESTA. Questo permette un soggiorno consecutivo fino a 90 giorni ed ha una validità di due anni. Ciò significa che, fintanto che sarà valido, ci si potrà recare nuovamente negli Stati Uniti, ma sempre ricordando che il limite di permanenza continua è di 90 giorni per un totale di 180 giorni all’anno. L’ESTA è molto semplice da ottenere: la procedura per il rilascio va effettuata online su siti autorizzati, come visto-usa.it. Il visto è associato al passaporto per cui è fondamentale che esso sia in corso di validità per tutta la durata del viaggio. Il pagamento del visto potrà essere fatto con le più comuni carte di credito o tramite il circuito PayPal.
Se il motivo per cui si va negli USA non è legato a turismo o lavoro, invece, l’ESTA non è sufficiente. Chi, ad esempio, si reca negli Stati Uniti per aprire una propria attività commerciale, per studiare o comunque per motivi che lo tratterranno su suolo statunitense per più di novanta giorni, dovrà fare richiesta di un visto classico. Pertanto, dovrà recarsi presso un’Ambasciata o un Consolato per la compilazione dei moduli per per l’intervista con un funzionario americano che approverà o meno il rilascio del visto. Come si può immaginare il rilascio del visto classico richiede tempi maggiori. Per prima cosa, infatti, è necessario prendere un appuntamento per l’intervista: la data viene definita dal Consolato o dall’Ambasciata e non può essere cambiata su richiesta. Questo significa che per una maggiore sicurezza è necessario iniziare la procedura di richiesta diversi mesi prima della data di partenza.

Non solo passaporto e visto: l’importanza di un’assicurazione e di un viaggio ben organizzato

Quando si decide di fare un viaggio alla volta degli Stati Uniti si deve sempre ricordare che, per avere la massima sicurezza su ogni dettaglio, nulla può essere improvvisato. Non si può partire per gli USA senza aver definito l’itinerario delle città e location che si vogliono visitare, i voli e le coincidenze e, soprattutto, senza pensare a un’assicurazione viaggio. Quest’ultima viene spesso sottovalutata: tuttavia, se si arriva negli Stati Uniti e si perdono i bagagli o ci si ammala, avere una copertura viaggio che copra questi inconvenienti permetterà di evitare che il viaggio si trasformi in una brutta avventura. Nella maggior parte dei casi le agenzie viaggio che offrono pacchetti vacanza per gli Stati Uniti prevedono anche la copertura sul bagaglio, su infortuni o sull’esigenza di cure mediche. Meglio approfittare di queste possibilità per partire più tranquilli e avere sempre un supporto in caso di incidenti di percorso.

Gli itinerari

Viaggiare alla scoperta degli USA è sicuramente un’esperienza che andrebbe fatta una volta nella vita. Tuttavia, parlare di visitare gli Stati Uniti è un termine abbastanza vago, un po’ come dire che ci si reca in visita dell’Europa. Per questo motivo è fondamentale, per poter godere di un viaggio che sia veramente di grande successo, definire in maniera dettagliata il tour che si intende fare, avendo cura di rispettare ogni data per non rischiare di perdere coincidenze di volo e, soprattutto, di fare scadere il proprio visto.

Per concludere

Organizzare un viaggio negli USA può essere allo stesso tempo allettante e complesso. Se si è alle prime esperienze con i viaggi negli States è pertanto importante valutare con attenzione ogni dettaglio e, soprattutto, assicurarsi che la documentazione per poter accedere negli USA sia in regola.