Ospedale del mare di Napoli, primo intervento di neurochirurgia su un paziente sveglio

234

Un training di più di un anno, una strettissima collaborazione con l’Istituto di ricovero e cura a carattere  scientifico “Casa Sollievo della Sofferenza” di San Giovanni Rotondo, e l’implementazione di tutte le  tecnologie necessarie per arrivare ad offrire ai cittadini campani, e più in generale ai pazienti ricoverati  all’Ospedale del mare, interventi di neurochirurgia con il paziente sveglio. Un traguardo importante che ha  portato alla prima operazione con paziente sveglio il 21 dicembre 2022. Ad operare è stata l’equipe coordinata  dal neurochirurgo Giuseppe Catapano (primario dell’unità operativa neurochirurgia), affiancato dai dottori  Alessandro Villa (neurochirurgo con un lungo periodo di addestramento in Francia), Ciro Fittipaldi (primario  del servizio di anestesia e rianimazione) e Alessandra Candiello (specialista in neuroanestesia), Massimiliano  Scarpelli, Teresa Serrapica e Annarita di Somma (psicologi clinici della Asl Napoli 1 Centro coordinati dal  dr. Claudio Zullo). E ancora, gli infermieri Biagio Cassese, Andrea Sambiase, Candida Sorrentino e il tecnico  di neurofisiologia Marco Iannicelli. A supportare il gruppo in sala operatoria anche il team di San Giovanni  Rotondo, con i neuroanestesisti Alfredo del Gaudio e Vincenzo Marchello e la psicologa Grazia D’Onofrio. I  medici sono intervenuti per aiutare il giovane Claudio (nome di fantasia per tutelarne la privacy),  venticinquenne studente di ingegneria gestionale che per l’intero intervento è stato sveglio e ha potuto  collaborato con gli operatori evitando che si potessero creare dei deficit. “Già durante l’intervento – spiega  Giuseppe Catapano – si è assistito ad un miglioramento delle funzioni di memoria che in minima parte  risultavano compromesse nelle valutazioni preoperatorie». L’Ospedale del mare è inoltre dotato di monitoraggi  neurofisiologici che consentono di tenere costantemente sotto controllo le funzioni motorie e sensitive nel  corso dell’intervento. Questi sistemi, che aiutano il chirurgo a ridurre il rischio di creare paralisi o disturbi  della sensibilità, hanno l’enorme vantaggio di poter essere utilizzate durante la normale anestesia generale,  modificando semplicemente la condotta anestesiologica. Ma a cosa è dovuta l’esigenza di operare pazienti da  svegli ? Il dottor Catapano spiega che l’unica possibilità di controllare funzioni complesse (la capacità di  calcolo, la capacità di ragionamenti astratti, di contare e fare calcoli matematici, ecc.) è data – ad oggi – da  interventi fatti su paziente sveglio. Solo così è possibile valutare costantemente funzioni complesse cerebrali  durante l’intervento, sottoponendo al paziente una serie di quesiti.« Con questo primo intervento a paziente  sveglio (sono previsti altri interventi già dalla prossima settimana) – dice il direttore generale Ciro Verdoliva – l’Ospedale del mare incrementa l’offerta – già di altissima qualità – delle prestazioni neurochirurgiche e,  dunque, non c’è alcuna necessità per i pazienti di affrontare lunghi ed onerosi viaggi verso altre regioni per  poter accedere alle cure più opportune”.