Outsourcing logistico: in cosa consiste

16

L’outsourcing logistico avviene quando un’azienda decide di terziarizzare a un fornitore esterno la gestione operativa di una o più funzioni logistiche per un determinato periodo di tempo contrattualmente definito. 

Le funzioni logistiche che possono essere messe sotto outsourcing sono: approvvigionamento, trasporto, distribuzione, stoccaggio di materie prime o prodotti finiti. A queste attività possono esserne associate altre vicine alla logistica, come per esempio imballaggio, confezionamento, eventuale personalizzazione della merce, gestione delle pratiche doganali e assicurative ecc. 

Anche in Italia, negli ultimi anni, la logistica aziendale si è avvalsa, sempre più con maggior frequenza, di servizi strategici di outsourcing; tra i tanti benefici che la terziarizzazione logistica può portare all’azienda, uno su tutti è quello di rendere la stessa impresa molto più snella e flessibile nella gestione delle attività, focalizzandosi molto più attentamente sullo sviluppo del proprio core business. 

Un outsourcing strategico di ampio respiro vede società terze impegnate nella presa in carico di una buona parte del processo logistico, un compito delicato che, sempre più imprese hanno necessità di terziarizzare, affidando almeno il trasporto e lo stoccaggio delle proprie materie prime o prodotti a professionisti nel settore. 

Idea Logistic è il partner ideale per gestire la logistica in outsourcing: in possesso di comprovate competenze specialistiche e di una adeguata struttura organizzativa, è in grado di programmare ogni fase dell’attività logistica con grande cura, impegno e serietà.
Un’azienda che decide di avvalersi dei servizi di logistica di un outsourcer, non acquista semplicemente servizi, ma sceglie di lavorare sull’integrazione di risorse, attività e competenze specifiche di una squadra specializzata, riuscendo per di più ad abbattere notevolmente i costi. 

Esternalizzare l’intero, o una parte, di un processo aziendale, significa anche pianificare e analizzare nel dettaglio le esigenze della propria impresa, non di meno, ci si concentra sul controllo e la verifica della qualità delle forniture e sul rispetto delle normative e delle clausole contrattuali.

Affidare le attività logistiche in Outsourcing (H2)

Affidare le attività logistiche in outsourcing, presso la sede dell’operatore logistico, può permettere a quest’ultimo di apportare importanti miglioramenti, ottimizzando il processo di logistica a 360° utilizzando le proprie risorse, attrezzature e spazi, ed eventualmente quelle del committente, in maniera molto più flessibile e mirata.

Per una buona gestione delle attività, è essenziale che l’outsourcing logistico sia una scelta strategica declinata sul lungo periodo, solo in questo modo si concretizzerà infatti per l’azienda una vera e propria riduzione dei costi, orientata alla creazione di valore intrinseco all’impresa stessa.  

Per questi motivi, la scelta del proprio fornitore logistico deve essere fatta nella maniera più accorta possibile: l’outsourcer logistico designato dovrà infatti essere capace di supportare l’azienda committente negli aspetti legali, amministrativi e operativi. 

Una partnership duratura tra fornitore e operatore di outsourcing logistico è possibile solo se quest’ultimo, è in grado di impiegare processi innovativi e se sa controllare in maniera intelligente le tempistiche di lavoro in un’ottica di outsourcing strategico.