P.a,Contro furbetti sì detective privati

53

(ANSA) – ROMA, 11 APR – Il dirigente pubblico può avvalersi anche di detective privati per scovare il ‘furbetto’ di turno. A stabilirlo è la Corte dei Conti in una recente sentenza, in cui sostiene “la legittimità del ricorso ad un’agenzia investigativa privata” per stanare gli abusi di un dipendente ufficialmente in congedo parentale. A ricorre a investigatori esterni era stato il presidente di un’azienda partecipata per circa il 99% dal comune di Arco, in Trentino. I giudici contabili si sono espressi proprio su suo appello, visto che gli era stata addebitata la spesa per le indagini.
    Per la Corte (seconda sezione giurisdizionale centrale d’appello) deve infatti ritenersi che “l’urgenza” abbia indotto “ad utilizzare il mezzo che appariva attendibilmente più idoneo, anche per la prevedibile maggiore rapidità d’intervento, a disvelare il comportamento del dipendente sospettato di svolgere attività retribuita presso terzi nel periodo di congedo parentale”.(ANSA).
   

(ANSA) – ROMA, 11 APR – Il dirigente pubblico può avvalersi anche di detective privati per scovare il ‘furbetto’ di turno. A stabilirlo è la Corte dei Conti in una recente sentenza, in cui sostiene “la legittimità del ricorso ad un’agenzia investigativa privata” per stanare gli abusi di un dipendente ufficialmente in congedo parentale. A ricorre a investigatori esterni era stato il presidente di un’azienda partecipata per circa il 99% dal comune di Arco, in Trentino. I giudici contabili si sono espressi proprio su suo appello, visto che gli era stata addebitata la spesa per le indagini.
    Per la Corte (seconda sezione giurisdizionale centrale d’appello) deve infatti ritenersi che “l’urgenza” abbia indotto “ad utilizzare il mezzo che appariva attendibilmente più idoneo, anche per la prevedibile maggiore rapidità d’intervento, a disvelare il comportamento del dipendente sospettato di svolgere attività retribuita presso terzi nel periodo di congedo parentale”.(ANSA).