Padre e figlia annegati nel Rio Grande, la foto choc

9

Washington, 26 giu. (AdnKronos) – Un padre con la sua bambina che giacciono a faccia in giù nelle acque torbide del Rio Grande mentre tentavano di raggiungere il Texas. La foto (), che ricorda molto da vicino quella del , il bimbo siriano rinvenuto senza vita su una spiaggia turca nel 2015, mostra il dramma dei migranti che cercano di attraversare il confine tra Messico e Stati Uniti evitando il muro tanto voluto dal presidente Donald Trump.

L’uomo, riferiscono i media americani, si chiamava Oscar Alberto Martínez. Era un cittadino salvadoregno e aveva provato a chiedere asilo alle autorità Usa. Domenica, stanco di attendere una risposta che non arrivava da oltre due mesi, ha cercato di attraversare il fiume ed entrare a Brownsville, in Texas, accompagnato dalla moglie Tania Vanessa Ávalos e dalla piccola Valeria, di 23 mesi.

Secondo la ricostruzione della giornalista Julia Le Duc, che ha scattato la foto poi pubblicata sul quotidiano messicano La Jornada, padre e figlia erano riusciti ad attraversare il fiume a differenza della donna. L’uomo, dopo aver lasciato Valeria sulla riva, è così tornato indietro a prendere la moglie, ma la piccola, vedendolo allontanarsi, si è gettata in acqua. Oscar si è quindi tuffato ed è riuscito ad afferrare la bimba, ma la corrente li ha investiti e trascinati via.

I loro corpi sono stati trovati sul lato messicano del Rio Grande. La piccola, con i pantaloni rossi e le scarpe nere, aveva ancora la testa infilata sotto la maglietta del padre e il braccio intorno al collo del genitore, che ha lottato per salvare le loro vite fino alla fine.

Domenica nella stessa zona, hanno riferito le autorità statunitensi, sono stati trovati i corpi di una donna e tre bambini, morti, a quanto pare, a causa del caldo e della disidratazione. Le vittime sono cittadini del Guatemala, ha confermato il ministero degli Esteri.