Panorama d’Italia, De Luca: Se la Regione non si muove c’e’ il deserto

50

Dissensi con de Magistris? “Non lo so, a me non risulta, dovrebbero spiegarmelo”. A parlare e’ Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campana, nel corso dell’incontro conclusivo di Panorama d’Italia, intervistato dal direttore di Panorama, Raffaele Leone. Sollecitato da Leone sui motivi di dissenso con il sindaco di Napoli, De Luca ha spiegato che occorre fare una “operazione verita’”. “Esponenti dell’Amministrazione comunale assumono atteggiamenti di vittimismo gratuiti e immotivati – ha detto – Tutto quello che si muove a Napoli, si muove grazie alla Regione Campania. Per il resto e’ deserto”. Il governatore ha ricordato il caso del trasporto pubblico locale e dell’Anm, partecipata del Comune di Napoli, per la quale “se non ci fossero i soldi della Regione, 60 milioni di euro, avrebbe gia’ chiuso”. E ancora: gli abbonamenti gratis ai mezzi pubblici per gli studenti e per i pensionati, il trasporto scolastico ai disabili, le opere pubbliche, con la riapertura dei cantieri, investimenti per “20 milioni per il cantiere di via Marina e i fondi per il teatro di San Carlo”. “Napoli – ha aggiunto – e’ una grande capitale che, grazie a Dio, si salva da sola”. “La verita’ dei numeri ci dice che il Comune di Napoli e’ il piu’ grande disastro amministrativo d’Italia, e’ l’unica grande citta’ in cui i Revisori dei conti hanno bocciato il bilancio”, ha aggiunto. Non ha risparmiato una stoccata ai centri sociali, che piu’ volte lo hanno contestato. “La democrazia e’ fatta di conflitto, confronto – ha concluso – ma il conflitto se diventa intimidazione e aggressione e’ altro, questa e’ la linea di demarcazione che deve essere chiara, ma qui non lo e'”.