Paolo Carra nuovo comandante dei Nas

199
in foto Paolo Carra

Cambio della guardia al vertice del Comando dei Carabinieri per la Tutela della Salute. Il Generale di Corpo d’Armata Adelmo Lusi, al vertice della Specialità dal giugno 2017, viene sostituito dal Generale di Divisione Paolo Carra, che assume il nuovo incarico dopo aver prestato, negli ultimi tre anni, servizio presso lo Stato Maggiore della Difesa in qualità di Capo Ufficio Generale Affari Giuridici e consulente giuridico del Capo di Stato Maggiore della Difesa. Il passaggio di consegne, oggi negli uffici di viale dell’Aeronautica, ha visto la partecipazione del ministro della Salute Roberto Speranza che, nel dare il benvenuto al nuovo Comandante, ha ringraziato Lusi per il suo operato, sottolineando l’impegno profuso dal Reparto speciale dell’Arma nella Tutela della Salute, e si è detto sicuro che la sua proficua attività di contrasto all’illegalità continuerà con ottimi risultati anche sotto la nuova gestione. Originario di Suzzara, in provincia di Mantova, laureato in Scienze Politiche e Scienze della Sicurezza Interna ed Esterna, in possesso dei Master in “Studi Internazionali Strategico – Militari” e in “Scienze Strategiche”, il nuovo Comandante Carra dal 1991 al 1995 ha comandato la Compagnia di Napoli Centro e dal 1996 al 1998 è stato il Comandante del Nucleo Informativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Napoli. Dal 1998 al 2003 ha ricoperto incarichi presso il Comando Generale all’Ufficio Operazioni e all’Ufficio del Vice Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, in qualità di Capo Ufficio. Ha frequentato il 2 Corso di Stato Maggiore Interforze dal 1999 al 2000. Dal 2006 al 2009 è stato al vertice del Provinciale Carabinieri di Sassari, che ha lasciato per assumere il comando del Reggimento Corazzieri e l’incarico di Aiutante di Campo al Presidente della Repubblica per i successivi sei anni. Infine, dal 2015 al 2017 è stato Comandante della Legione Liguria e negli ultimi tre anni ha espletato delicati compiti istituzionali presso lo Stato Maggiore della Difesa.