Paolo Fresu al Conservatorio di Benevento. Masterclass e concerto

161

Paolo Fresu è il protagonista domani, 23 marzo, di un doppio appuntamento, masterclass e concerto, al Conservatorio Statale di Musica “Nicola Sala” di Benevento, presieduto da Caterina Meglio.
Trombettista e compositore di fama internazionale, considerato tra i maggiori artisti della scena jazz contemporanea, Fresu terrà dapprima un workshop con 150 studenti al Complesso di San Vittorino a partire dalle ore 10, quindi sarà special guest di un concerto con l’Orchestra Jazz del Conservatorio di Benevento dalle ore 19 all’Auditorium Sant’Agostino, nell’ambito della Stagione concertistica dell’Accademia di Santa Sofia, in sinergia con l’Università degli Studi del Sannio.

Tornando alla masterclass, l’appuntamento sarà gratis per gli studenti del “Nicola Sala” e a pagamento per tutti gli altri allievi, che potranno ricevere a margine del workshop un attestato di partecipazione. Un’intera mattinata tra nozioni di storia del jazz e tecnica con il trombettista italiano più famoso al mondo.

Alle 19 il concerto all’Auditorium Sant’Agostino, introdotto dalla relazione della presidente del Conservatorio di Benevento Caterina Meglio dal titolo “From Research to Business” e con la direzione e gli arrangiamenti di Roberto Spadoni, chitarrista e compositore. La kermesse vede Filippo Zigante e Marcella Parziale alla direzione artistica, Marcello Rotili, Massimo Squillante e Aglaia McClintock alla consulenza scientifica. Il preludio al concerto dal titolo “Un arco tra classicità e modernità” sarà curato dallo stesso Massimo Squillante, docente di Metodi Matematici dell’Economia e delle Scienze Attuariali e Finanziarie, Dipartimento di Diritto, Economia, Management e Metodi Quantitativi (DEMM) di Unisannio.

Ricco il programma dell’evento. Si parte con “Ferlinghetti” di Paolo Fresu, per proseguire con “Bernie’s Tune” di Bernie Miller. Quindi, un omaggio al compianto professor Aldo Bassi, già docente del Conservatorio di Benevento, con “I Sogni che …” e “11 12”. Chiudono la scaletta “Everythings Happens to Me” di Dennis e Adair, “The Rainbow” di Roberto Spadoni, “Metamorfosi” di Paolo Fresu e “Ce La Posso Fare” di Roberto Spadoni.
Un’occasione unica per gli allievi del Conservatorio “Sala”, che potranno suonare insieme ai loro professori con una star internazionale. Questi i nomi degli orchestrali: Ferruccio Corsi (docente), Giuseppe Capriello, Ciro Marone, Gianni Taglialatela, Gabriele Mastropasqua ai sassofoni; Matteo Franza (docente), Angelo Cioffi alle trombe; Alessandro Tedesco, Antonio Di Somma ai tromboni; Roberto Spadoni alla chitarra; Elisabetta Serio (docente), Enrico Asquitti al pianoforte; Franco Fabbrini (docente), Saverio Russo al basso; Leonardo De Lorenzo (docente), Marco Leone alla batteria.