Papa: “Aborto bimbi malati nazismo in guanti bianchi”

17

Città del Vaticano, 16 giu. (AdnKronos) – “Perché non si vedono nani per la strada? Perché il protocollo di tanti medici dice: viene male, mandiamolo via. Il secolo scorso tutto il mondo si è scandalizzato per quello che facevano i nazisti. Oggi facciamo lo stesso ma con i guanti bianchi”. Durissima denuncia di papa Francesco contro l’aborto: “Ho sentito dire che è di moda, o almeno abituale, che quando nei primi mesi di gravidanza si fanno gli studi per vedere se il bambino non sta bene o viene con qualcosa, la prima offerta è: lo mandiamo via. L’omicidio dei bambini: per risolvere la vita tranquilla si fa fuori un innocente”.

“Da ragazzo la maestra che insegnava storia ci diceva della rupe, per buttarli giù, per salvaguardare la purezza dei bambini. Un’atrocità, ma noi facciamo lo stesso”, ha aggiunto il Pontefice.

Quanto alla famiglia è “una sola”, ed è composta da “un uomo e da una donna”. “Oggi si parla di famiglie diversificate – sottolinea il Papa parlando a braccio – di diversi tipi di famiglie. Si è vero che la parola famiglia è analoga, ma la famiglia è immagine di Dio. Uomo e donna, è una sola. Sono immagine e somiglianza di Dio. San Paolo lo chiama mistero grande, sacramento grande”.