Il Papa a Napoli per un convegno, Posillipo blindata: l’incontro con Sepe e le autorità cittadine

77
Il Papa da stamattina a Napoli. E’ arrivato in elicottero a Posillipo – l’atterraggio si è svolto nell’area antistante il Parco Virgiliano – dove ad attenderlo ha trovato l’arcivescovo di Napoli, cardinale Crescenzio Sepe. DI qui il Papa è stato condotto in auto nella sezione San Luigi della facoltà teologica dell’Italia meridionale, in via Petrarca, per prendere parte all’ultima giornata del convegno “La teologia dopo Veritatis Gaudium nel contesto del Mediterraneo”.  Giunto nel complesso dei Gesuiti,  dopo aver salutato il pubblico presente, e prima di salire sul palco allestito nel cortile della facoltà,  il Papa ha stretto la mano al governatore della Campania, Vincenzo De Luca, al sindaco Luigi de Magistris (al quale ha fatto gli auguri per il suo onomastico: oggi è San Luigi)  e al prefetto di Napoli, Carmela Pagano. Nel cortile della pontificia facoltà è stato poi accolto dai rettori degli atenei campani e dal presidente della Conferenza Episcopale Italiana, cardinale Gualtiero Bassetti.
L’arrivo al Virgiliano
Papa Francesco è atterrato in elicottero al Parco Virgiliano, in una Posillipo blindata per il suo arrivo, poco dopo le 9. La Sezione San Luigi della Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, dove papa Francesco è atteso per un intervento nella giornata conclusiva del convegno “La teologia dopo Veritatis Gaudium nel contesto del Mediterraneo”, si trova a poca distanza, in via Petrarca. Lungo la strada che conduce all’ateneo molti fedeli, sfidando il caldo, hanno atteso il suo arrivo. Il gran caldo si fa sentire anche in platea, dove i circa 650 partecipanti possono resistere utilizzando gli ombrelli bianchi e gialli con i colori vaticani, cappellini e bottiglie d’acqua offerti dall’organizzazione. Per seguire l’ultima giornata di convegno sono giunti circa 250 tra giornalisti, fotografi e operatori televisivi. L’intervento del Papa è previsto alle 12. Si tratta della seconda visita a Napoli per Papa Francesco dopo quella del 21 marzo 2015, con tappe a Scampia, piazza del Plebiscito, carcere di Poggioreale, piazza del Gesù, Duomo e lungomare.
De Magistris: Napoli in linea con le parole del Pontefice
“Siamo molto contenti di questa visita e del tipo di argomento che si tratterà stamattina, per il momento storico. Non vedo l’ora di ascoltare le sue parole”. A dirlo è il sindaco Luigi de Magistris, subito dopo essere arrivato nella sede della sezione San Luigi della Pontificia Facoltà teologica dell’Italia Meridionale. Secondo de Magistris, “il messaggio è sicuramente forte e questa città è in linea con le parole del Papa. Siamo nel cuore del Mediterraneo e il nostro obiettivo è costruire ponti affinché i popoli si possano incontrare, e non consentire che prevalga invece la comunità del rancore che vuole mettere gli uni contro gli altri”.