Papa: tenerezza è una parola dimenticata

45

(ANSA) – CITTA’ DEL VATICANO, 2 APR – L’abbraccio di un padre e di una madre al loro bambino, la “tenerezza, parola oggi quasi dimenticata” e la capacità di “entrare nelle piaghe dell’altro”, perché la nostra “è una fede incarnata nelle piaghe, sennò “è una idea, è una ideologia”. Questi i punti sottolineati a braccio da papa Francesco, integrando a braccio il discorso che aveva preparato per la veglia di preghiera della divina misericordia. Francesco ha ricordato che la Festa è stata fortemente voluta da San Giovanni Paolo II, morto esattamente undici anni fa. Il Papa ha anche detto che per il Giubileo sarebbe bello che in ogni diocesi si realizzasse “una opera di misericordia, un ospedale, una scuola dove non ce ne sono, una casa per ricoverare, un ospizio per gli anziani”.
   

(ANSA) – CITTA’ DEL VATICANO, 2 APR – L’abbraccio di un padre e di una madre al loro bambino, la “tenerezza, parola oggi quasi dimenticata” e la capacità di “entrare nelle piaghe dell’altro”, perché la nostra “è una fede incarnata nelle piaghe, sennò “è una idea, è una ideologia”. Questi i punti sottolineati a braccio da papa Francesco, integrando a braccio il discorso che aveva preparato per la veglia di preghiera della divina misericordia. Francesco ha ricordato che la Festa è stata fortemente voluta da San Giovanni Paolo II, morto esattamente undici anni fa. Il Papa ha anche detto che per il Giubileo sarebbe bello che in ogni diocesi si realizzasse “una opera di misericordia, un ospedale, una scuola dove non ce ne sono, una casa per ricoverare, un ospizio per gli anziani”.