Parlamento Europeo, Matera (FI): lavoro, applicare norme trattati Ue per la parità retributiva

38

Il divario salariale tra donne e uomini, fenomeno particolarmente diffuso in Europa che non manca di avere riflessi significativi anche per la pensione, è lo specchio di una disuguaglianza di genere non più tollerabile. Per una donna, che peraltro più degli uomini deve dedicarsi anche alla famiglia, guadagnare il 16 % in meno di un uomo a parità di lavoro, è particolarmente discriminante. Va certamente dato atto al nostro Paese di aver ridotto negli anni questa disparità riuscendo a ridurla al 7% e dunque ben al di sotto della media europea, ma è evidente che non basta: la disuguaglianza retributiva resta soprattutto una grave violazione delle norme presenti in diversi trattati europei”. Così Barbara Matera, parlamentare europea di Forza Italia, per la quale “dare attuazione a quanto di fatto è già previsto dalle nostre regole europee deve essere un imperativo categorico”. “I governi degli Stati membri, al di là di quanto fatto ad oggi – conclude l’esponente di Forza Italia -, hanno il dovere di impegnarsi decisamente di più perché la Giornata Europea per la Parità Retributiva non abbia più ragion d’essere