Parole dell’Innovazione, la lezione del papà del Walkman

59

Walkman è la parola di un oggetto di culto, ricco di significati. Nell’Italia fascista, possedere una radio era uno status symbol. Si ricorreva all’ascolto a pieno volume per fare invidia ai vicini di casa che non la possedevano. Come risultato, la canzone “Abbassa la tua radio” fu un grande successo del tempo. Tuttavia, non sempre era possibile chiedere di abbassare il volume. Negli stabilimenti balneari, sempre più frequentati negli anni ’30 del secolo scorso, l’uso degli altoparlanti era l’unico modo per ascoltare la radio in spiaggia. Portare la radio da casa? Impossibile. Forse qualcuno lo sognava, ma non c’è domanda per ciò che non esiste.
Durante la rivoluzione elettronica, anticipatrice dell’era digitale, Akio Morita, il fondatore di Sony, era alla ricerca di nuove modalità di ascolto della musica. Nel 1978, un ingegnere della Sony progettò un lettore di audiocassette portatile. Il dispositivo, chiamato Walkman, cambiò radicalmente le abitudini d’ascolto.
Morita ha ammesso che molti consideravano il Walkman una meraviglia innovativa. Eppure, era proprio lui ad affermare che tutti i componenti per renderlo disponibile erano già presenti sugli scaffali. Francamente, non conteneva alcuna tecnologia innovativa. Il suo successo si basava sulla pianificazione e sul marketing del prodotto.

Creatività nel business
La creatività nel mondo degli affari è innescata dall’ingegnosità imprenditoriale. Alla Royal Society di Londra il 6 febbraio 1992, in una conferenza su Scienza (S), Tecnologia (T) e Innovazione (I) dal titolo S non è uguale a T e T non è uguale a I, Akio Morita sostenne che il progresso nella conoscenza del business non è meno importante degli avanzamenti in campo scientifico e tecnologico.
La creatività immaginata da Morita implica la generazione di nuove idee da tradurre in attività imprenditoriali. Nel mondo degli affari, afferma Morita, la creatività riguarda anche la tecnologia, la pianificazione del prodotto e il marketing. Questi tre tipi di creatività devono essere sostenuti da una consolidata cultura imprenditoriale.
Contrariamente a quanto si crede, la creatività nella tecnologia è ben lungi dal permettere agli imprenditori di raggiungere il successo. La tecnologia, per ottima che sia, non si vende da sola.
La creatività nella pianificazione del prodotto “è così importante, anche se molti non sembrano riconoscerlo… Che differenza fa la vostra tecnologia per quanto fantastica e innovativa se non siete in grado di progettare un prodotto utile, attraente e di agevole utilizzo?”
Né si può trascurare la creatività nel marketing. Ancora una volta, “se avete una grande tecnologia e anche un grande prodotto, troverete successo solo se il mercato è abbastanza informato per accogliere ciò che avete realizzato”.

piero.formica@gmail.com