Parole dell’innovazione, il rinascimento imprenditoriale in Cina

36

Sognare, esplorare e scoprire sono tre caratteri distintivi di quel movimento culturale che prende il nome di “imprenditorialità innovativa”. Un movimento innescato da una virulenta epidemia di innovazioni: proprio quella che fu tanto diffusa in epoca rinascimentale come pure durante la dinastia Song in Cina, il Secolo d’Oro olandese (1568-1648), e in Gran Bretagna (1651-1851) – giusto per citare tre età che hanno conosciuto momenti magici del ritmo accelerato dell’innovazione.

fu xing
Tanto gonfiatasi da far temere ad alcuni che possa scoppiare, uscendo dal fondo del pozzo all’aria aperta la rana cinese ha gracchiato “Rinascimento” – fu xing. Questa la corrispondente parola in mandarino che è entrata a pieno titolo nel vocabolario di Xi Jinping, Segretario Generale del Partito Comunista cinese dal 15 novembre 2012, il quale l’ha pronunciata ben tre volte nella sua prima conferenza stampa. Il rinascimento imprenditoriale in Cina si prefigge di ridisegnare la mappa geopolitica, non solo economica, della distribuzione del potere. Se la colta Europa dell’Illuminismo s’ispirò ai filosofi cinesi, ai tempi odierni sono gli spiriti imprenditoriali sprigionati dalla metafora di Den Xiaoping (artefice della riforma economica cinese tra il 1978 e il 1992) del “non importa di che colore sia il gatto, l’importante è che mangi il topo” che sono osservati con curiosità e voglia di emulazione dalle vecchie e nuove generazioni imprenditoriali dell’Occidente progredito.

Nuovo movimento culturale
Sotto la dinastia Song (960-1279), la città di Hangzhou fu la versione cinese della Firenze rinascimentale. Passano i secoli e, influenzato dall’India, il movimento rinascimentale cinese riemerge dall’oblio nel 1917. Variamente chiamato ‘Nuovo Movimento culturale’, ‘Nuovo Pensiero’ e ‘New Tide’, quel movimento è stato un gruppo vicino alla leadership del filosofo cinese Hu Shih (1891-1962) e si distinse per il suo impegno nel promuovere la cultura della ragione, della libertà e dei valori umani contro la tradizione, l’autoritarismo e la repressione, con la rivista mensile Rinascimento fondata nel 1918 da un gruppo di studenti dell’Università di Pechino. Il suo spirito ha covato sotto le ceneri fino ai giorni nostri quando è apparsa all’orizzonte la parola fu xing.

piero.formica@gmail.com