Parole dell’innovazione, il valore della collaborazione

42

La collaborazione è un processo duraturo di apprendimento di come gestire le relazioni. Fiducia e capitale sociale sono i ‘geni’ che dettano l’evoluzione di una rete così complessa e adattabile come la collaborazione.
La collaborazione non costretta entro frontiere geografiche e non impedita da barriere culturali e finanziarie è un fattore critico di successo giacché permette sia di reperire le competenze dovunque esse si trovino nel mondo, sia di diversificare le attività di ricerca e accrescere le probabilità di trasformare la nuova conoscenza in prodotti e servizi innovativi per i mercati mondiali.

Coordinamento
Il coordinamento è una forma di collaborazione che rafforza il processo di adozione simultanea di strategie identiche o complementari da parte di agenti indipendenti le cui relazioni sono informali e implicite, basate su regole  e codici di comportamento non scritti.
Nell’ambiente di coordinamento prevalgono:

– Relazioni di prossimità, ‘a portata di mano; legami familiari.
– Relazioni informali, opportunistiche e di breve termine.
– Diffusione spontanea di conoscenze implicite.

Cooperazione
“Se hai una candela, la luce non diventa più fioca se io accendo dalla tua la mia candela”. Da quest’espressione attribuita al musicista Steve Tyler si ricava che la cooperazione è una forma di collaborazione che permette alle parti di massimizzare il prodotto congiunto delle loro relazioni piuttosto che i risultati individuali.
Il modello cooperativo prevede comportamenti competitivi all’interno (e non solo all’esterno) della relazione, sia per quanto riguarda la produzione che la distribuzione dei guadagni derivanti da un gioco che a somma non zero: come dire che le sorti dei giocatori sono correlate, nel bene o nel male.
I portatori di idee antagoniste competono tra loro per affermare il prestigio personale, ma nello stesso tempo contribuiscono a valorizzare la cooperazione affinché l’antagonismo non porti alla stagnazione. L’egoismo della competizione convive con l’altruismo della cooperazione.

piero.formica@gmail.com