Pasqua, prevale il bel tempo: un po’ meno al centro-sud

15

Pasqua con tempo bello in gran parte d’Italia: instabilita’ residua nelle zone interne del centro e al sud, con fenomeni in esaurimento entro fine giornata. A Pasquetta sole in tutto il Paese, con qualche nuvola in piu’ in Liguria. Nuovo peggioramento a partire da martedi’. Sono le previsioni del centro Epson meteo. Oggi tempo in prevalenza soleggiato al Nord e sulle Isole Maggiori, ancora un po’ di nuvole – dicono i metereologi – all’estremo Nord-Est e al Centro-Sud. Saranno possibili delle piogge o locali temporali nelle zone interne del Centro, sul basso versante tirrenico e in Puglia. Possibilita’ di rovesci di neve sull’Appennino dall’Abruzzo alla Campania oltre i 1.400 metri. Generale miglioramento in serata. Temperature massime in rialzo al Nord, in Toscana e in Sardegna, in diminuzione invece nelle regioni adriatiche, al Sud e in Sicilia. Ventoso per venti di Maestrale; Foehn al Nord-Ovest. Per le recenti nevicate, su Alpi e Prealpi e’ aumentato il pericolo di valanghe, che in molte aree ha raggiunto, su una scala da 1 a 5, il grado 4 forte”. Per domani, ‘pasquetta’, il tempo sara’ stabile e soleggiato in gran parte sull’Italia, “salvo delle velature di passaggio e qualche annuvolamento piu’ compatto sulla Liguria. Temperature minime in leggero calo, massime quasi invariate al Nord, in crescita al Centro-Sud e sulle Isole; ampia escursione termica fra il primo mattino e il pomeriggio. Si attenua il Maestrale, sostituito da deboli venti meridionali sui mari di Ponente”. Martedi’ tre aprile, la prima perturbazione del mese raggiungera’ il Nord, portando entro il pomeriggio piogge al Nord-Ovest che, tra sera e notte, si estenderanno al resto del Nord e alla Toscana. Sono previste nuove nevicate sulle Alpi oltre i 1.600 metri di quota. Ancora prevalenza di bel tempo nel resto del Centro-Sud, dove le temperature saranno in ulteriore rialzo. Mercoledi’ quattro aprile la perturbazione – concludono gli esperti – insistera’ sul Nord, ma coinvolgera’ anche gran parte delle regioni centrali: rischio di precipitazioni intense e locali temporali su Liguria, Toscana e zone pedemontane del Nord.