Passera ai giovani: lotta alle mafie e riforma istruzione

61

Il viaggio di Italia Unica e Corrado Passera è arrivato ieri a Napoli, al Museo Diocesano, per un incontro con un gruppo di giovani napoletani. L’ex Il viaggio di Italia Unica e Corrado Passera è arrivato ieri a Napoli, al Museo Diocesano, per un incontro con un gruppo di giovani napoletani. L’ex ministro per lo sviluppo economico ha ribadito l’importanza fondamentale dei giovani, soprattutto all’interno del progetto Italia Unica. In più la voce, le idee ed i pensieri dei giovani sono di incredibile aiuto per avere il polso di ogni città. L’incontro ha toccato tematiche care ai giovani e al Sud Italia, dall’istruzione al lavoro, dallo squilibrio Nord-Sud alla lotta alle mafie, dalla giustizia alle riforme politiche più attuali. “Per Italia Unica la lotta totale alle mafie è uno dei punti centrali del programmaha spiegato PasseraBisogna colpire dove fa loro più male: nella rete di interessi economici attraverso la trasparenza. È una sfida storica in cui è in gioco il futuro di tutto il Paese”.    Si è parlato dei costi e della lentezza della giustizia che crea difficoltà al Paese. Ma, soprattutto, di Universtià, scuola e ricerca. “Le nostre scuole, spesso, non ci preparano abbastanza bene” dice una delle ragazze. Usciamo dalla scuola un anno più tardi rispetto a quasi tutti gli altri Paesi  e spesso siamo meno preparati. Meno pronti ad affrontare il mondo, complice la mancanza di un forte insegnamento della lingua inglese”. “Dobbiamo rendere meno ampio il divario tra scuole buone e meno buone. Dobbiamo alzare il livello medio e sicuramente accorciare di un anno il periodo della scuola, da 13 a 12 anni” ha risposto Passera che si è dichiarato contento per un incontro denso di proposte e contenuti in una città ricca di idee e voglia di cambiare.