Patto di sviluppo per la Campania, in arrivo risorse aggiuntive per 10 milioni

68
In foto il ministro Giuseppe Provenzano

Il ministro per il Sud e la Coesione territoriale, Giuseppe Provenzano, ha firmato a Napoli, insieme al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, la riprogrammazione del Patto della Campania. L’obiettivo è quello razionalizzare gli interventi contenuti nel Patto e accelerarne l’attuazione. In particolare, la rimodulazione finanzia il Progetto di fattibilità della linea ferroviaria “Sicignano-Lagonegro”, per la sua riapertura ai fini turistici. Altre risorse rimodulate sono state destinate ai lavori di completamento della bretella di Massicelle-Montano e alla messa in sicurezza, ripristino e consolidamento a seguito di dissesto delle sponde del vallone nel comune di Centola. Nell’area tematica “Ambiente”, viene rafforzato l’intervento finalizzato alla “movimentazione dei rifiuti stoccati in balle presso il sito Masseria del Re di Giugliano in Campania, da conferire agli impianti di trattamento localizzati nell’area della ex centrale turbogas Enel in località Pontericcio del medesimo comune”.
Sono stati inoltre assegnati 6,7 milioni di euro per i finanziamenti agevolati per i soggetti danneggiati dagli eventi calamitosi che hanno interessato la Provincia di Benevento nell’ ottobre 2015″, ha comunicato Provenzano, annunciando inoltre che “a breve il Patto verrà integrato, attraverso la sottoscrizione di un addendum che destinerà ulteriori 10 milioni di Fsc 2014-2020 per la realizzazione di 6 progetti di messa in sicurezza della viabilità stradale in altrettanti piccoli Comuni, al di sotto di 2mila abitanti”.