Pd, Balzamo: Verifica voto, mancano i verbali di Salerno

64
 
“La commissione regionale per il congresso del Pd è riunita dalle 8.30 ma mancano ancora i verbali del voto a Salerno e quindi è impossibile vidimare il voto”. Lo dice all’Ansa Giuseppe Balzamo, dirigente del Pd che appoggia la mozione Orlando al congresso dem. La commissione regionale, presieduta da Paola Vairano, responsabile infanzia e adolescenza del Pd della Campania, deve ricevere i dati dalle cinque commissioni provinciali per procedere oggi all’ultima verifica prima di inviare il resoconto finale al Pd di Roma sull’esito delle primarie in Campania. Nel corso della riunione non sono mancati i momenti di tensione sulla verifica, con toni alti e richieste di procedere ad ulteriori approfondimenti anche sul voto della provincia di Caserta. “Stranamente – spiega Balzamo – sui media oggi leggiamo numeri e attribuzioni di seggio in assemblea non approvati da nessuno, e intanto la Campania continua a essere l’anomalia nella partecipazione straordinaria in tutta Italia alle primarie. Riteniamo inoltre che ci siano state anomalie a Ercolano e stiamo preparando uno studio preciso per identificare tutte le anomalie avvenute che non riguardano solo i poveri migranti che vengono usati per il voto”. 
Intatto il partito di Grillo attacca. “Il ministro Minniti venga subito in Parlamento e dica se è vero che i richiedenti asilo del centro di accoglienza di Ercolano sono stati accompagnati a votare alle primarie per Renzi, con la promessa di ottenere il permesso di soggiorno. Se la denuncia di Fanpage corrispondesse al vero sarebbe un fatto gravissimo” affermano in una nota i deputati M5S della commissione Affari costituzionali che hanno annunciato la presentazione di un’interrogazione al ministro dell’Interno, Marco Minniti. “Addirittura gli ospiti del centro d’accoglienza – sempre secondo quanto riporta il sito Fanpage, sarebbero stati accompagnati in auto al gazebo, allestito per le primarie Pd, dai responsabili del centro, che avrebbero anche provveduto ai necessari documenti per votare, oltre ai due euro della quota da versare per coloro che non sono iscritti al Partito democratico. Il tutto, stando a quanto denuncia un richiedente asilo, con la promessa di ottenere il permesso di soggiorno. Guarda caso, rispetto alle primarie Pd del 2013, ad Ercolano l’affluenza è quasi triplicata”. “Il titolare del Viminale ha l’obbligo di fare subito chiarezza su un episodio inquietante – concludono gli esponenti pentastellati – e deve verificare, inoltre, se sono avvenuti analoghi fatti anche in altri centri d’accoglienza presenti sul territorio italiano”.