Pd, segreteria a Scampia: continua il viaggio tra le periferie del Paese

20
in foto Maurizio Martina vicesegretario del Pd

Un pomeriggio rovente, tra i palazzoni ‘scorticati’, viali assolati dove erbacce crescono tra qualche aiuola rasata e lasciata bruciare al sole, cumuli di immondizia non raccolta e chiusura del lunedi’ per tanti esercizi. E’ la Scampia che si presenta al segretario del Pd Maurizio Martina, quando arriva alla scuola calcio Arci del quartiere periferico Nord di Napoli. Dopo Roma e Palermo, e’ il capoluogo campano a ospitare la segreteria nazionale Pd itinerante nelle periferie a rischio del Paese. In un prefabbricato con un piccolo bar, accanto al campo di calcetto, si ritrovano Gianni Cuperlo, Marianna Madia, Matteo Ricci, dirigenti e parlamentari locali. Un incontro con le associazioni, per discutere di periferie e studiare da vicino il caso Scampia. Martina lancia il primo avviso agli inquilini di Palazzo Chigi: “Il Governo si svegli rispetto a una serie di scelte importanti che si possono fare a partire da questa realta’”. Il Pd arriva nel quartiere che ha sostenuto spesso e generosamente il centrosinistra, ma che negli ultimi appuntamenti elettorali ha preferito guardare altrove e rivolgersi al Movimento 5 Stelle. “Da qui vogliamo rilanciare il nostro impegno – spiega Martina, tenendo tra le mani il gagliardetto della scuola calcio Arci – una proposta su tutte, che il Governo identifichi le aree di priorita’ educativa delle realta’ popolari periferiche delle nostre citta’ per investire in maniera strategica su queste aree, a partire dalla lotta alla mafia”. Il progetto che immagina, prevede il coinvolgimento diretto degli abitanti del quartiere. “E’ possibile metterci delle risorse straordinarie subito – spiega – la storia di questa esperienza di dice che si puo’ fare e il miglior servizio che il Pd puo’ dare e’ proprio quello di mettersi a fianco di queste storie”.