Pd, Valente: Bene la segreteria a Scampia ma chiarezza su Napoli

17
in foto Valeria Valente

“Riunire la segreteria nazionale del Partito Democratico nelle periferie è un segnale importante che va accolto sicuramente con favore, ma insieme a gesti simbolici è necessario costruire scelte e messaggi politici chiari e netti superando ambiguità e contraddizioni che persistono da troppo tempo altrimenti qualunque sforzo risulterà assolutamente vano” afferma la senatrice Valeria Valente, vicepresidente del gruppo Pd al Senato e segretaria della Commissione Giustizia.
“La scelta di tenere la segreteria oggi a Scampia – osserva – assume poi uno spessore ancora maggiore perché Napoli e le sue periferie geografiche e soprattutto sociali, rappresentano luoghi nei quali si vedono i danni materiali di un governo cittadino che nei modi, nel linguaggio e nelle azioni rispecchia lo stesso populismo del governo nazionale di Lega e 5stelle. Proprio in questo quartiere dove le promesse hanno abbondato ma nessuna è stata mantenuta (la vela è ancora lì in piedi e con essa resta in piedi un sistema di assegnazioni di alloggi popolari poco trasparenti e penalizzanti per chi aspetta le graduatorie pubbliche), ascoltare il grido di dolore di questi territori impone al Pd il rigore di scelte lontane da populismo e demagogie di ieri come di oggi”.
“Questi luoghi – conclude Valente – necessitano di scelte e politiche coraggiose capaci di rispondere al grande bisogno di protezione che emerge oggi, attraverso politiche per uno sviluppo inclusivo e partecipato, rimuovendo ostacoli di ordine territoriale, sociale o economico, respingendo con nettezza tanto divisioni e muri quanto le forme di assistenza che impediscono l’integrazione e favoriscono la marginalizzazione. Qui si misura la determinazione a costruire una grande forza di sinistra riformista e realmente popolare. Positivo in questo senso il documento indirizzato al segretario Martina di tanti segretari di circolo della città, e che sarebbe un errore lasciarlo cadere nel vuoto”.