Penisola Flegrea: fondi per sviluppo compatibile

59

E’ stata prorogata a lunedì 27 ottobre la scadenza per l’invio delle richieste di contributo al Gruppo di Azione Costiera (Gac) Penisola Flegrea, che ha come partner capofila il Comune di E’ stata prorogata a lunedì 27 ottobre la scadenza per l’invio delle richieste di contributo al Gruppo di Azione Costiera (Gac) Penisola Flegrea, che ha come partner capofila il Comune di Bacoli. Il Gac, in attuazione del Piano di sviluppo locale, ha varato i seguenti due bandi: 1.3.3 “I mitili di Miseno un nuovo presidio del mare”; 1.3.4 “Giusti in tavola! Master of food”. Scopo delle iniziative, per le quali sono disponibili complessivamente 142 mila euro, è di promuovere azioni di interesse collettivo a vantaggio di una pluralità di soggetti o della popolazione in generale. Oltre a Bacoli, il Gac Penisola Flegrea comprende, tra gli altri soggetti, il Comune di Monte di Procida e l’Ente Parco Regionale Campi Flegrei. La finalità del primo bando indicato è di incentivare i mitilicultori locali all’adozione di pratiche produttive sostenibili ed eco-compatibili, orientate verso un approccio etico al mercato. L’azione è volta alla realizzazione di investimenti, materiali e immateriali, tesi alla qualificazione, certificazione e valorizzazione dei “Mitili di Miseno”, prodotto tipico della zona marina della Penisola Flegrea. L’azione, quindi, supporterà la realizzazione di etichette e confezioni che riportino, oltre a quelli obbligatori per legge, ulteriori requisiti diretti alla tracciabilità delle produzioni con la creazione di un marchio “contrassegno”, identificativo univocamente dei prodotti in questione e delle stesse aree di produzione dei mitili. Sono disponibili 100 mila euro, fino a concorrenza delle risorse stanziate. E’ previsto un contributo pari all’80% della spesa ammissibile, per un importo massimo di 20 mila euro. Beneficiari: cooperative e organizzazioni di produttori riconosciute. Il bando “Giusti in tavola! Master of food” ha l’obiettivo di promuovere corsi di formazione per accrescere le competenze degli operatori del settore, con un approccio semplice ma innovativo, per la migliore valorizzazione dei prodotti ittici della penisola flegrea. Le attività formative dovranno essere dettagliate in una proposta progettuale, che includa un programma formativo e l’elenco nominativo degli esperti o docenti previsti per le attività didattiche. Sono disponibili 42 mila euro, fino a concorrenza delle risorse stanziate. E’ previsto un contributo pari al 100% delle spese, per un importo massimo di 42 mila euro. Beneficiari: cooperative, organizzazioni di produttori, associazioni del settore della pesca e dell’agricoltura.