Pensiamo anche ai nostri figli, non solo a denaro, potere e visibilità

10

Anziché dedicarci con tanto impegno al latte già versato a Genova, è più opportuno individuare altri viadotti e ponti pericolanti altrove. Inutile scaricare le colpe tra destra e sinistra, ugualmente responsabili, avendo governato male entrambe. Proprio per questo oggi sono scomparse. La triste realtà è che l’Italia sta cadendo a pezzi. Il sisma è più tollerante degli uomini e provoca meno vittime e danni. Nonostante il patrimonio artistico, i turisti ora hanno paura di venirci. Ricostruiamolo, per i nostri figli, questo bel paese, che fingiamo di amare ma che stiamo distruggendo.

Si può rifiutare con un sorriso. Non ci vuole nemmeno cultura, ma stile
Tutti vorremmo che si bloccasse l’esodo che ha invaso l’Europa. Non perché siamo razzisti. È che sono tanti, troppi, non sappiamo dove metterli. Essendo per la maggior parte maschi giovani, non c’è nemmeno chi possa soddisfare le loro legittime esigenze sessuali. Per di più – tranne che in politica – nella nostra società non c’è spazio per chi non ha studiato né ha una qualifica, neppure per gli italiani. L’unica attività che poi praticano è delinquere. Ecco perché non possiamo ospitarli. Spieghiamo queste obiettive situazioni con rammarico, non col dileggio. Se no, interviene l’ONU.

Non tutti i bambini possono usufruire della mensa scolastica
C’è chi non avrà diritto neppure alla cena perché a casa non sempre c’è da mangiare. Per molti quello a scuola è il solo pasto proteico. Mentre gli altri mangiano, debbono andarsene. Tornano i tempi in cui alcuni bimbi guardano gli alimenti col viso appiccicato alla vetrina. Il Comune non ha soldi. Ma quanto costa un panino? Saltano pure le lezioni del pomeriggio. Imparano di meno, però intuiscono che sono destinati a soffrire. Nasce già sui banchi la differenza di censo. Crescendo i compagni non li riconosceranno nemmeno, perché i poveri, come i negri, si rassomigliano tutti.

Legittima domanda dei sostenitori. Possono gli ignoranti essere peggio di chi li ha preceduti?
Il Premier confonde l’8 settembre col 25 aprile. C’è pure tra loro chi crede che Matera sia in Puglia e magari, chissà, che Gauguin sia figlio adottivo di Van Gogh. Come Pinochet è lo zio di Chavez. Ma i simpatizzanti degli attuali leader accusano i personaggi colti di un tempo di avere venduto l’Italia ai poteri forti. Per non essere da meno, a qualcuno viene in mente di cedere almeno una regione, la Corsica. Non è che i sardi si offendono e non ci votano? La Sicilia varrebbe molto di più se non si trovasse in Africa. È vero, gli altri erano incapaci, questi li manda la provvidenza.

Come mai l’Arabia Saudita fa parte del Consiglio ONU per la tutela dei diritti delle donne?
Non se lo chiedono solo gli ignoranti o chi ritiene che la Bachelet ce l’abbia con l’Italia. Anche giornalisti di autorevoli media lo ritengono assurdo. Il principio – perché tutti capiscano – è assimilabile al vecchio detto popolare “metti la divisa a un ladro e sarà un ottimo poliziotto”. Anche il nostro paese, seppure sia uno dei più corrotti del mondo, fa parte di comitati che vigilano sulla corruzione. Ci sarebbero molte più guerre senza l’ONU. Non possono farne parte solo i più tolleranti. Inserire chi rimane indietro, non li fa sentire nemici ma, magari, in dovere di comportarsi meglio.

In questo clima di tensione certe figure di merda sollevano il morale
Il consiglio è di parlare il meno possibile per non danneggiare il paese. Anche ai migliori, prima o poi, capita di dire sciocchezze. Si sono tutti offesi. Ma la campagna elettorale continua. Il ministro della Salute smentisce chi accusa i migranti di portare legionella e polmonite. Essendosi ritirati sull’Aventino, i dem dovrebbero avere un profilo più basso. Invece parlano continuamente. Oggi è stata un’apoteosi. Martina ha biasimato il governo di aver tagliato i fondi ai disabili. Vergogna! Li stava disprezzando quando ha scoperto, ahimè!, che il provvedimento era di Gentiloni.

Faccia in modo di migliorare l’Europa, ma, per carità, non ce la distrugga
Siamo tutti suoi fans. Tenga lontani i migranti. Non c’è lavoro e sono costretti a delinquere. Se non portano con loro le donne, aggrediranno le nostre. Ci consenta di sparare ai ladri alle spalle. Prenda qualsiasi iniziativa, ma non tocchi l’Europa, che garantisce la pace anche ai suoi figli. E nemmeno l’Euro. Abbiamo la fortuna che18 paesi condividono il peso della nostra corruzione che la lira da sola non è in grado di sostenere. Non se la prenda, quindi, se noi di destra in maggio torneremo con Forza Italia. Lei continui pure a governare. Ci vediamo alle prossime politiche. Promesso.