Pesca e soccorso, a Ces 2018 arriva il drone d’acqua intelligente

37

Roma, 8 gen. (Labitalia) – PowerVision Technology Group, un leader mondiale nelle tecnologie per Apr, robotica e big data, ha ampliato la propria gamma di droni d’acqua aggiungendo PowerDolphin, che debutterà al Ces (Consumer Electronics Show) 2018, che si apre domani a Las Vegas. Dotato di un design elegante e lineare, PowerDolphin è un drone d’acqua intelligente che offre una serie di vantaggi non solo ai pescatori, ai subacquei, ai proprietari di imbarcazioni e agli appassionati di sport acquatici, ma anche come supporto in casi di emergenza.

La fusoliera anteriore di PowerDolphin è dotata di un’esclusiva telecamera 4K a rotazione doppia che copre un’angolazione di 215°. È in grado di filmare sopra il livello dell’acqua fino a 80° e di inclinarsi verso il basso per filmare sott’acqua a -135°: sia che si tratti di sport acquatici o del paesaggio marino, è possibile vedere tutto in formato 4K. Le immagini 4K ad alta definizione acquisite da PowerDolphin possono essere inviate in tempo reale tramite la trasmissione di immagini 1080P wireless a lunga distanza all’app di controllo Vision+.

Seguendo la fotocamera a rotazione doppia, le luci anteriori hanno quattro livelli di luminosità regolabili, che ruotano in equilibrio con la fotocamera, per scattare foto luminose in diversi tipi di acqua.

Oltre alla potente capacità di imaging, PowerDolphin offre un’esperienza di pesca intelligente, combinando l’accessorio PowerSeeker, che aiuta nel processo di ricerca dei pesci e dei nidi, di lancio degli ami, e della pesca in generale. PowerDolphin può essere telecomandato per lanciare gli ami e attirare il pesce nella posizione desiderata fino a 1.000 metri, estendendo enormemente la portata della canna da pesca e permettendo di guardare e registrare l’intero processo di cattura delle prede attraverso la fotocamera 4K.

Il rilevatore dei pesci intelligente di PowerSeeker migliora significativamente la capacità di trovare pesci, grazie alla localizzazione in tempo reale dei banchi di pesci entro 40 metri sott’acqua, così da aiutare i pescatori a determinare con precisione il punto e il momento migliore per la pesca. Una volta che la preda ha abboccato, PowerDolphin la trascinerà indietro sul lato del controller, fornendo così un’esperienza di pesca completamente nuova che farà dire finalmente addio alle canne da pesca.

Grazie al cambio a tre velocità, è in grado di nuotare fino a 5 metri al secondo, portando salvagenti anulari, giubbotti di salvataggio, cavi da traino e altre attrezzature di soccorso in modo tempestivo e preciso. Agendo come primo soccorritore per arrivare alla scena dell’incidente, PowerDolphin può trasportare e liberare a distanza le attrezzature necessarie più velocemente delle scialuppe di salvataggio, eliminando la preparazione manuale e l’accensione dello scafo; e nuotando più veloce dei bagnini a 5m/sec batte largamente il record di 100m stile libero maschile di 2,17 m/sec.

PowerDolphin offre fino a due ore di autonomia della batteria ed è dotato di un dispositivo sonar intelligente e di una funzione waypoint Gps. Può anche scansionare automaticamente le acque designate e disegnare mappe topografiche sott’acqua grazie al montaggio del rilevatore di pesci intelligente e alla funzione di pianificazione del percorso disponibile nell’app Vision+, fornendo così agli scienziati dati altamente accurati in forma visiva e aggiungendo un grande valore alla loro ricerca marina.

Tra le altre funzionalità di PowerDolphin, ci sono l’interruttore water touch, il controllo dal telefono cellulare, la funzione di ritorno a casa e il supporto per la sostituzione della batteria e della scheda SD. Inoltre, sia il design del vetro impermeabile che la tecnologia automatica antirollio, tra le tante altre caratteristiche, migliorano notevolmente la facilità d’utilizzo e la stabilità del drone.

Come ha spiegato Wally Zheng, founder e Ceo di PowerVision Technology Group, “PowerDolphin è un nuovo drone lifestyle che non è adatto solo a fotografi, pescatori e altri appassionati di sport acquatici, ma anche ai soccorritori e ricercatori scientifici, offrendo agli avventurieri una nuova prospettiva di vita”.