Pesca, l’Ue riconosce i porti abilitati per lo sbarco: ci sono anche Napoli e Salerno

44


Ancona, Brindisi, Civitavecchia, Fiumicino (non é un posto di ispezione frontaliero dell’Ue) Genova, Gioia Tauro, La Spezia, Livorno, Napoli, Olbia, Palermo, Ravenna, Reggio Calabria, Salerno, Taranto, Trapani, Trieste, Venezia. Sono questi i porti italiani riconosciuti dall’Unione Europea quali abilitati sbarco prodotti pesca. L’Unione europea, per lottare più efficacemente contro la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata, ha fissato l’elenco dei porti in Italia e negli altri Stati membri dell’Ue, in cui “sono autorizzate operazioni di sbarco e trasbordo di prodotti della pesca e dove i pescherecci di Paesi terzi hanno accesso ai servizi portuali”. La decisione é stata pubblicata oggi sulla Gazzetta ufficiale dell’Ue.