Pesta la compagna fino a farla abortire

22

Palermo, 4 apr. (Adnkronos) – Picchiata selvaggiamente fino ad abortire. A scoprire l’ennesima storia di violenza tra le mure domestiche a Palermo è stata la Polizia di Stato che ha arrestato F.I., 20enne, con l’accusa di maltrattamenti, lesioni gravi, violenza privata e procurato aborto. 

A fare scattare le indagini è stata la denuncia della giovane vittima poco più che 20enne, che agli investigatori ha raccontato le prevaricazioni subite quotidianamente. Violenze avvenute nel chiuso delle mura domestiche durante oltre un anno di convivenza, ma anche al termine della relazione interrotta per volontà della ragazza. In un caso il giovane avrebbe anche provocato l’aborto della compagna, prendendola a calci sul ventre nonostante fosse incinta e provocando la perdita del feto.

L’aggressione più recente risale alla fine dello scorso febbraio, quando la vittima era stata pestata fino a provocarle la frattura del setto nasale.