Petrolio: Aie, finita fase crollo prezzi

45

(ANSA) – ROMA, 11 MAR – La fase di prezzi petroliferi in caduta libera potrebbe ormai essere alle spalle in vista del calo della produzione da parte dei Paesi Opec e non-Opec che ridurrà il surplus globale di offerta. E’ la previsione dell’Agenzia Internazionale dell’Energia (Aie) che nel rapporto mensile afferma che “ci sono segnali che i prezzi possano aver toccato il fondo” e intravede “una luce in fondo al lungo tunnel nero”. I Paesi non-Opec, prevede l’Aie, ridurranno quest’anno la produzione di 750mila barili al giorno, ossia 150mila in più rispetto a quanto stimato il mese scorso. A supportare il mercato anche i tagli produttivi di Iraq e Nigeria e il fatto che la ripresa delle esportazioni di greggio dall’Iran, dopo la fine delle sanzioni, avverrà a un ritmo più lento del previsto.
   

(ANSA) – ROMA, 11 MAR – La fase di prezzi petroliferi in caduta libera potrebbe ormai essere alle spalle in vista del calo della produzione da parte dei Paesi Opec e non-Opec che ridurrà il surplus globale di offerta. E’ la previsione dell’Agenzia Internazionale dell’Energia (Aie) che nel rapporto mensile afferma che “ci sono segnali che i prezzi possano aver toccato il fondo” e intravede “una luce in fondo al lungo tunnel nero”. I Paesi non-Opec, prevede l’Aie, ridurranno quest’anno la produzione di 750mila barili al giorno, ossia 150mila in più rispetto a quanto stimato il mese scorso. A supportare il mercato anche i tagli produttivi di Iraq e Nigeria e il fatto che la ripresa delle esportazioni di greggio dall’Iran, dopo la fine delle sanzioni, avverrà a un ritmo più lento del previsto.