Petrolio: mercati nervosi e prezzi in calo, Wti scende sotto 68 dollari al barile

7

Milano, 16 ago. (Adnkronos) – Le quotazioni del greggio iniziano la settimana in calo, risentendo degli ultimi avvenimenti in Afghanistan, con la presa di Kabul da parte dei talebani, e dei dati sull’economia cinese, che mostra segni di rallentamento. La produzione industriale del Dragone è salita del 6,4% a luglio, risultato inferiore alle attese degli analisti, così come le vendite al dettaglio, cresciute dell’8,5% contro un atteso +11,5%. Indicatori che mostrano una ripresa economica inferiore al previsto e che si stanno subito riflettendo sull’andamento delle materie prime e del petrolio. Il Wti scende sotto quota 68 dollari al barile e si attesta a 67,5 (-1%). Il Brent si attesta a 70 dollari al barile (-0,9%).