Piano anti emergenza del Governo, Cozzolino e Picierno lanciano l’allarme sui fondi al Sud

122
In foto Andrea Cozzolino

“Siamo profondamente sorpresi da alcune ipotesi di intervento, lette sulla stampa, in danno al Mezzogiorno contenute nel documento ‘L’Italia e la risposta al Covid-19’, redatto dal Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Da rappresentanti del Mezzogiorno nelle istituzioni europee riteniamo imprescindibile che il Governo preservi lo sviluppo economico e sociale delle regioni meridionali”. Così in una nota gli europarlamentari del Partito democratico Andrea Cozzolino e Pina Picierno. “Il mantenimento del vincolo di destinazione territoriale delle risorse del FSC e degli altri Fondi strutturali, la salvaguardia del criterio dell’addizionalità e il rispetto della cosiddetta ‘clausola del 34%’, che prevede la distribuzione degli stanziamenti pubblici in conto capitale in proporzione alla popolazione del Mezzogiorno, rappresentano per noi le componenti fondamentali e non derogabili per la ripresa di un territorio che dovrà recuperare non solo gli effetti negativi dovuti all’emergenza sanitaria di questi ultimi mesi, ma anche un divario economico, sociale e infrastrutturale ereditato dal passato”, aggiungono.