Piano di Zona Salerno 3, procedura sbagliata: la Regione blocca i fondi

16

Ci sarebbero stati errori nella procedura di accesso ai fondi per il sociale nel Piano di Zona S01_3, nel cui ambito sono compresi i comuni di Pagani, Sarno, San Valentino e San Marzano sul Sarno ed è gestito dall’azienda consortile “Agro Solidale”. E’ quanto affermato dalla senatrice del Movimento 5 stelle Luisa Angrisani, che ha sottolineato: “I fondi persi permettevano di assegnare dei voucher da spendere presso gli asili nido. Il bando che aveva come scadenza Marzo 2018, aveva visto stilare una prima graduatoria che vedeva in 169 le famiglie aventi diritto e 9 gli asili nido convenzionati: 4 a San Valentino Torio, 3 a Pagani e 2 a Sarno. Ogni voucher aveva un valore che partiva da 366 euro mensili per 4 ore al giorno fino ad un massimo di 732,00 euro per 8 ore giornaliere per gli asilo nido; da 387,20 euro per 4 ore giornaliere ad un massimo di 774,60 euro per i micro nidi”. “Questi fondi però non sono mai arrivati ai cittadini e grazie all’impegno di una nostra attivista di Pagani, Sofia Esposito, abbiamo scoperto quale è la causa. La Regione Campania su espressa richiesta della nostra attivista che chiedeva chiarimenti, ha risposto che la procedura adottata dal Piano Di Zona era errata e che così i fondi non potevano essere erogati”.
“Dunque – ha proseguito Angrisani – quanto accaduto al piano di zona di cui fa parte anche il mio comune, Sarno, ha dell’incredibile. Per una pura inadempienza e incapacità di qualche dirigente molti cittadini non potranno avere quanto gli spetta. I diritti dei cittadini vanno tutelati, faremo chiarezza sulla vicenda sia a livello locale che a livello regionale”. “Sarà mia premura – ha annunciato la senatrice – interpellare i consiglieri regionali del MoVimento 5 Stelle affinché ogni responsabilità emerga e chi ha sbagliato sia sanzionato. I dirigenti vengono lautamente pagati per svolgere al meglio il loro compito e non possono essere i cittadini a pagare le loro inadempienze. La settimana prossima chiederò un incontro con il coordinatore del piano di zona, Porfidio Monda e con il sindaco di Pagani, comune capofila dell’ambito, Salvatore Bottone”.